MILANO CHE CAMBIA I

NOLO: inaugurata il 19 settembre

Nella mattina di giovedì 19 settembre una grande festa con i bambini del quartiere ha inaugurato la nuova piazza nata tra via Spoleto e via Venini, a NoLo (Nord di Loreto, ndr), nell’ambito del progetto di urbanistica tattica (un approccio al territorio che prevede il coinvolgimento dei cittadini, ndr) “Piazze Aperte”. Il progetto è realizzato in collaborazione con Bloomberg Associates, il supporto di Nacto Global Designing Cities Iniziative e della ditta Vestre per quanto riguarda la fornitura degli arredi.

A dare il benvenuto alla nuova piazza anche un artista di strada che ha intrattenuto i bambini con giochi e palloncini, e la narrazione in diretta FB di Radio NoLo, che si prenderà cura della piazza insieme a Retake Milano e all’associazione Genitori Ciresola.

Una pavimentazione colorata nelle tonalità del giallo, azzurro e blu delimita da oggi la nuova area pedonale, che con piante, rastrelliere, tavoli da pic nic e ping pong e panchine per la sosta ambisce a diventare un luogo di socialità e interazione non solo per i bambini ma per tutto il quartiere. L’intervento, che ha compreso una riorganizzazione della viabilità al fine di favorire la mobilità ha un carattere di sperimentazione il cui esito nei prossimi mesi sarà sottoposto a monitoraggio e ascolto del territorio.

Per questa e le altre riqualificazioni previste, i responsabili di Urbanistica e Verde, Mobilità e Partecipazione, Pierfrancesco Maran, Marco Granelli e Lorenzo Lipparini, sono stati concordi nell'affermare: “Abbiamo avviato Piazze Aperte un anno fa come sperimentazione, nei mesi scorsi abbiamo raccolto pareri e osservazioni dei cittadini che ci hanno consentito di migliorare i progetti e renderli definitivi. La creazione di questi nuovi spazi di socialità, attraverso interventi di rapida realizzazione e dai costi contenuti, ha migliorato la vivibilità dei quartieri, dato identità a luoghi privi di decoro, creato occasioni di incontro, migliorato la sicurezza stradale soprattutto per i pedoni e ciclisti con attraversamenti stradali e percorsi ciclabili. Piazze Aperte permette inoltre di coinvolgere direttamente i cittadini nella riqualificazione e nella tutela degli spazi pubblici. Per questo non solo vogliamo rendere il miglioramento permanente e ancora più efficace con gli accorgimenti introdotti, tra cui un incremento sostanziale degli alberi, ma siamo già pronti a realizzare nuovi interventi in altri luoghi della città con il coinvolgimento diretto del territorio”.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni