OLTRE 15 MILIONI DI EURO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

Approvato il Piano di diritto allo studio per l’anno scolastico 2020/2021: più di 15,8 milioni di euro per garantire integrazione scolastica e successo formativo agli alunni con disabilità, libri di testo per le Scuole Primarie, il servizio di trasporto scolastico, anche per bambini con disabilità, le cosiddette funzioni miste del personale ausiliario tecnico amministrativo, i contributi per le spese d’ufficio e i progetti per ridurre la dispersione scolastica.

“Ogni anno - ha commentato l’assessora all’Educazione Laura Galimberti - il Comune mette in campo importanti investimenti per garantire anche ai bambini e alle bambine in maggiore difficoltà il diritto-dovere all’istruzione. Anche nel 2020, nonostante le difficoltà di bilancio che Milano, come molte altre città, sta affrontando, l’impegno è quello di non tagliare i servizi, soprattutto quelli dedicati alle fasce più deboli della popolazione, come gli alunni con disabilità, per i quali sono stanziati i fondi più consistenti”.

Per quel che riguarda gli interventi finalizzati all’integrazione scolastica e al successo formativo di bambini e bambine con disabilità, infatti, l’Amministrazione ha stanziato circa 11,9 milioni di euro. Gli interventi, formulati in un piano educativo individualizzato, vengono realizzati attraverso soggetti del Terzo Settore accreditati, che garantiscono uno standard qualitativo omogeneo, anche attraverso la fornitura di materiale didattico e di attrezzature a uso degli alunni. Durante lo scorso anno scolastico, i fondi stanziati dal Comune di Milano hanno permesso di assistere 3.808 alunni con disabilità. Sono i più fragili che hanno maggiormente sofferto le conseguenze del Covid e il Comune intende attrezzarsi in vista del prossimo anno, quando saranno necessarie presenze maggiori degli educatori, per esempio per eventuali articolazioni delle classi in sottogruppi. Anche il Consiglio Comunale, all’unanimità, ha destinato all’assistenza educativa una parte delle risorse del Fondo di Mutuo Soccorso.Sono invece 2,4 milioni di euro i fondi che l’Amministrazione investe per la fornitura delle cedole librarie. La fornitura gratuita dei libri di testo agli studenti delle scuole primarie nell’anno 2019/2020 ha riguardato oltre 59mila bambini.

Altro capitolo del Diritto allo studio riguarda il trasporto scolastico dedicato agli alunni residenti a Milano che frequentano le Scuole Primarie o Secondarie di primo grado, nei casi in cui l’abitazione disti più di due chilometri dalla scuola di bacino e il percorso non sia adeguatamente coperto dalla rete del trasporto pubblico, e agli alunni con disabilità per raggiungere le sedi scolastiche e i luoghi di terapia. In totale lo stanziamento è di oltre 576mila euro e lo scorso anno ha permesso il trasporto di oltre 1.100 bambini.

Oltre 850mila euro vengono invece destinati alle 74 Autonomie scolastiche in città per le cosiddette Funzioni miste del personale ausiliario tecnico amministrativo (Ata) e per spese varie d’ufficio, attraverso l’erogazione di contributi assegnati in base al numero di iscritti. I fondi contribuiscono ad assicurare il servizio di apertura e chiusura dei locali scolastici e le relative pulizie per ogni sede di realizzazione delle attività di prescuola e giochi serali, il supporto per le procedure amministrative relative alle iscrizioni ai servizi comunali e l’acquisto di materiale di cancelleria per il funzionamento degli uffici di segreteria.

Infine, il Comune di Milano supporta con un contributo di 125mila euro un progetto di “Scuola della seconda opportunità”, che offre ai ragazzi con storie di fallimenti nel sistema scolastico (ripetenze, abbandoni, frequenza irregolare, insuccesso formativo, difficoltà relazionali) percorsi paralleli o alternativi alla Scuola Secondaria di primo grado finalizzati al conseguimento della licenza media.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni