Transizione ambientale

Earth day, il Comune di Milano lancia Food wave, alleanza tra giovani, comunità locali e sindaci per una nuova prospettiva di crescita urbana

Al via la campagna digitale "Catch the wave, lead the change".
Città, giovani e cambiamento climatico: una nuova alleanza tra cittadini del futuro, comunità locali e istituzioni. Questa la ricetta di Food wave, il progetto del Comune di Milano per dare a ragazze e ragazzi dai 15 ai 35 anni gli strumenti per guidare la transizione globale verso un sistema alimentare sostenibile entro il 2030. Il progetto è guidato dal Comune di Milano, cofinanziato dalla Commissione europea con circa 8 milioni di euro attraverso il programma DEAR (Development education and awareness raising) e coinvolge 17 città (tra cui Londra, Madrid, Varsavia e San Paolo del Brasile), 13 organizzazioni della società civile e la rete C40, la rete internazionale delle città impegnate nella lotta ai cambiamenti climatici.
È in occasione della Giornata mondiale della Terra, che si terrà giovedì 22 aprile, che l’Amministrazione comunale presenterà Food wave – Empowering urban youth for climate action, attraverso una sfida digitale – "Catch the wave, lead the change" – che sarà lanciata alle ore 12 sui canali istituzionali del Comune per invitare i giovani a unirsi all’onda del cambiamento.
Food Wave è un progetto che si concentra sui temi ambientali, ma anche un progetto culturale che mette i giovani, le comunità e la creatività al centro della sperimentazione: nel quadro del progetto verrà fornito sostegno finanziario a idee creative, artistiche e prodotti innovativi con l’invito ai giovani a presentare proposte per ripensare il modo di consumare e produrre cibo nelle città, trasformare aree in disuso e sperimentare nuove attività economiche.
Tutto il progetto sarà accompagnato da una piattaforma di partecipazione, reti e forum di discussione digitali, web radio universitarie, attività creative, concorsi artistici e produzioni audiovisive per mobilitare anche i giovani creativi a contribuire al nuovo progetto.
Scuole e percorsi formativi digitali, laboratori nelle aree urbane periferiche delle città, scambi internazionali, sperimentazioni di agricoltura urbana e periurbana, avranno l’obiettivo comune di formare e sostenere giovani urban farmer e consumatori responsabili. L’obiettivo ambizioso è quello di coinvolgere 15 milioni di giovani europei. Le politiche urbane hanno un ruolo cruciale nell’incentivare sistemi economici sostenibili ma è assieme alle giovani generazioni che le città possono avviare uno sforzo collettivo per promuovere pratiche di consumo e produzione alimentari sostenibili, e costruire un futuro verde e inclusivo delle città europee, con particolare attenzione alle aree periferiche. È già aperto il primo avviso pubblico. C’è tempo fino al 3 maggio per partecipare alla call per Street actions per ricevere contributi per azioni ed eventi collettivi a carattere comunicativo, performativo e partecipativo con l’obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere specialmente i giovani, in merito all’importanza delle pratiche, degli stili di vita e dei sistemi alimentari sostenibili e dell’agroecologia urbana nella mitigazione del cambiamento climatico. Le proposte andranno presentate attraverso la piattaforma del Comune di Milano. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito del progetto Food wave.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni