Trasformazione digitale. Al via il domicilio digitale

Assessora Cocco: "Una comunicazione semplice e immediata che porterà anche un risparmio di costi per le spese postali". Disponibile per tutti i cittadini che possiedono una PEC

Al via il domicilio digitale per i cittadini e le cittadine milanesi. 
Da oggi i residenti che possiedono un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) potranno eleggere il proprio domicilio digitale all'interno del Fascicolo del cittadino, l'area personale sicura e protetta presente nel portale istituzionale del Comune di Milano, così da ricevere all'indirizzo indicato le comunicazioni ufficiali dell'Amministrazione comunale.
"In linea con le indicazioni del Governo e di AgID diamo il via a questo nuovo, importante tassello all'interno del piano di trasformazione digitale della città – ha commentato Roberta Cocco, assessora alla Trasformazione digitale e Servizi civici. –  Un'innovazione che consentirà ai cittadini di ricevere le comunicazioni in modo semplice e immediato e al tempo stesso garantirà all'Amministrazione comunale un notevole risparmio dei costi sostenuti per le spese postali".
Il domicilio digitale è un indirizzo elettronico – per esempio una casella di posta elettronica certificata (PEC) o un servizio elettronico di recapito certificato qualificato – attraverso il quale il cittadino può ricevere le notifiche di atti amministrativi e tributari.
Attualmente il CAD (il Codice dell'Amministrazione digitale) prevede l'obbligo del domicilio digitale per i professionisti iscritti ad albi, elenchi e registri delle imprese e per la Pubblica Amministrazione, mentre lascia ai cittadini la facoltà di eleggere o meno il loro domicilio digitale.
Il domicilio sarà registrato in un apposito database interrogabile da tutte le direzioni dell'Amministrazione per garantire una comunicazione univoca e corretta.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni