Strage al Tribunale di Milano del 2015

Una proposta didattica per ricordare

Il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani intende commemorare la strage del tribunale di Milano, avvenuta la mattina del 9 aprile del 2015. La dinamica dell’evento scosse molti cittadini in quanto, come è ben noto, il tragico episodio si verificò proprio all'interno dei locali del Palazzo di giustizia, luogo che, nell’immaginario collettivo, doveva risultare tra i posti più sicuri della metropoli. Morirono uccisi dai colpi di una pistola calibro 765, in dotazione dell’imputato-imprenditore Claudio Giardiello, il suo giovane ex-avvocato e testimone, Lorenzo Claris Appiani, il giudice fallimentare, Fernando Ciampi, e Giorgio Erba, coimputato del killer. I soggetti coinvolti erano parte del processo per fallimento fraudolento nei confronti dell’imprenditore-assassino.

Il CNDDU ricorda le vittime ed in particolare il giovane avvocato, Lorenzo Claris Appiani, e il giudice fallimentare, Fernando Ciampi, caduti in servizio nell’adempiere al proprio dovere: garantire la tutela della giustizia e della legalità. Oggi, in un mondo in cui gli atti e i fatti spesso passano senza lasciare alcuna traccia importante nella quotidianità, la frase di Lorenzo Appiani: "Vado a testimoniare perché bisogna avere coraggio" non può essere dimenticata anche perché pronunciata da un giovane la cui unica colpa fu quella di essere onesto con sé e con gli altri. Il coraggio delle proprie azioni e il senso di responsabilità siano un esempio per i futuri cittadini.

Ricordiamo i fatti accaduti nelle aule scolastiche e dedichiamo un pensiero virtuale alla memoria Lorenzo Claris Appiani e Fernando Ciampi da postare nelle classroom o nella nostra pagina Facebook.

Prof. Romano Pesavento

Presidente CNDDU 


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni