Al via concorso regionale ‘Lombardia 2030. Il futuro ha la tua voce’

Bolognini: diamo voce ai giovani e loro visione del futuro

Al via ‘Lombardia 2030. Il futuro ha la tua voce’, la seconda edizione del concorso creato dalla Regione Lombardia per coinvolgere e dare voce alle nuove generazioni.
“Abbiamo deciso di riproporre questo format considerata la numerosa partecipazione e gli ottimi risultati della prima edizione. In questo modo i giovani potranno presentarci dei video che descrivono la loro idea della Lombardia del futuro”.
Lo ha spiegato l’assessore regionale allo Sviluppo Città metropolitana, Giovani e Comunicazione Stefano Bolognini .
“Per noi – ha proseguito – è molto importante coinvolgere i giovani e conoscere la loro opinione. ‘Lombardia 2030’ rientra tra le iniziative che Regione sta portando avanti per coinvolgere ragazze e ragazzi lombardi. La loro creatività e le loro idee, sono infatti il percorso verso la Lombardia del futuro”.

Il concorso

Al concorso possono partecipare giovani tra i 18 e i 34 anni, inviando, entro il 31 agosto, un video originale, della durata massima di 2 minuti, che descriva idee, espressioni e prospettive future sul tema ‘Lombardia 2030. Il futuro ha la tua voce’. Le tematiche dei video dovranno riguardare, a scelta dell’autore, l’inclusione sociale, le pari opportunità, lo sviluppo occupazionale, la formazione, l’innovazione e la sostenibilità.
Gli argomenti fanno infatti riferimento agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu. Il totale dei premi previsti dal concorso ammonterà a 45.000 euro. Tutti i dettagli possono essere consultati sul portale di Regione Lombardia.

‘Lombardia 2030’

“L’anno scorso, prima edizione in assoluto del concorso – ha detto ancora Bolognini – abbiamo ricevuto 50 video. Un numero davvero importante, considerando il periodo e le difficoltà dovute al Covid. Quest’anno invito nuovamente i giovani lombardi – ha continuato l’assessore – a partecipare a ‘Lombardia 2030’ e a sottoporci un numero sempre maggiore di contenuti. Io credo molto nella partecipazione attiva dei giovani e anche nella loro voglia di fare e di mettersi in gioco. Tutti i loro spunti, le loro riflessioni e le loro proposte saranno infatti utili ‘consigli’ nel percorso che porterà al varo della prima legge regionale per i giovani lombardi”.

“L’aspetto che più mi sta a cuore di tutte le iniziative che Regione sta promuovendo – ha concluso – è coinvolgere i nostri ragazzi e dialogare con loro. Vogliamo farli sentire pienamente partecipi nella costruzione del futuro della nostra Lombardia”.

ram

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni