Covid, Rolfi: 2,5 milioni di euro per servizi di base nelle aree rurali

Assessore: interventi in materia sanitaria, sociale e culturale

Un investimento da 2,5 milioni di euro per interventi finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base per la popolazione nelle aree rurali della Lombardia in funzione anti-Covid. È quello che prevede il bando aperto lunedì 12 aprile, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale, dalla Regione Lombardia.

Lotta allo spopolamento delle aree rurali

“È fondamentale – ha detto Fabio Rolfi, assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi – offrire servizi adeguati e moderni anche nelle aree a forte caratterizzazione rurale. La Lombardia è la prima regione agricola d’Italia e vogliamo difendere questo nostro primato contrastando lo spopolamento di queste zone, offrendo ai cittadini una qualità di vita migliore e ai giovani nuove opportunità di occupazione”.

Misura a sostegno dell’economia e legata all’emergenza Covid

L’operazione si inserisce nel quadro temporaneo delle misure a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza legata al Covid, volta anche alla prevenzione e al contenimento della diffusione del virus.

Risorse per servizi anti-Covid nelle aree rurali

“Con queste risorse – ha aggiunto Rolfi – sosteniamo quindi investimenti finalizzati all’offerta di servizi in ambito sanitario, socio-assistenziale, culturale, ricreativo e ambientale. Si potranno infatti realizzare o recuperare strutture e fabbricati, acquistare strumentazione e attrezzature anche di carattere informatico. Nonchè implementare le piattaforme online per i servizi”.

Un plafond di 2,5 milioni di euro

“Sono a disposizione – ha concluso Rolfi – 2,5 milioni di euro per Comuni, enti pubblici, associazioni e fondazioni”.

Gli investimenti possibili

L’operazione si attua nei territori dei Comuni classificati in aree rurali. Sono ammissibili gli investimenti finalizzati a:

  • attivare servizi essenziali alla popolazione rurale, in forma integrata per la riduzione dei costi, nei campi: sanitario, trasporti, comunicazioni, servizi di prossimità (es. mercati locali e negozi multiservizi);
  • avviare e potenziare servizi di utilità sociale. Ovvero assistenza domiciliare, mobilità di persone anziane e diversamente abili. Nonchè asili nido, servizi per l’infanzia e le famiglie;
  • sviluppare attività ricreative e didattiche volte alla divulgazione ed al passaggio generazionale del patrimonio culturale e identitario e delle tradizioni delle popolazioni rurali.

Le date per la domanda

La domanda per gli interventi in funzione anti-Covid nelle aree rurali può essere presentata dal 12 aprile 2021 al 30 giugno 2021.

gus


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni