Dg Welfare: no errori su trasmissione dati Covid da nostro medico

“La Uo Prevenzione ha compiti di sorveglianza non di produzione di dati”

“In merito ad alcuni articoli apparsi sulla stampa, la Dg Welfare di Regione Lombardia smentisce categoricamente la notizia che attribuisce a un medico della Uo Prevenzione, Danilo Cereda, la responsabilità di un’errata trasmissione di dati Covid che avrebbe decretato l’erronea attribuzione della fascia rossa alla Lombardia”. Lo precisa una Nota della Regione Lombardia.
“La Uo Prevenzione – continua la Nota – svolge il compito di sorveglianza e analisi epidemiologica e quindi non di produzione dati. Il report supervisionato dal dottor Cereda riporta il totale del numero di tamponi, guariti, dimessi, ricoverati in reparti ordinari e terapie intensive, persone in isolamento ed è quello che viene inviato quotidianamente al Ministero della Salute e alla Protezione Civile e da questi pubblicato”.

Dati inviati quotidianamente  a Iss

“I dati inviati quotidianamente all’Istituto Superiore di Sanità per il calcolo degli indicatori – si legge ancora – partono  direttamente da un flusso informatico della società regionale Aria che ha origine dalle schede compilate da medici e laboratori, strutture ospedaliere pubbliche e private. Si ribadisce infine che la sovrastima dell’indice Rt della settimana 35 non è dipesa in alcun modo dalla qualità dei dati inviati a Iss”.

Dg Welfare

“La Dg Welfare – conclude la Nota – ringrazia per quanto fatto finora dal dottor Cereda. Rinnova inoltre la fiducia alla UO Prevenzione per il proseguo del lavoro”.

red

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni