Inaugurato il nuovo frutteto nel carcere di Monza

Il lavoro fondamentale per recupero e risocializzazione
Regione ha attivato 35 progetti per oltre 7 milioni di euro
Assessore: reinserimento sociale con progetti innovativi

Il presidente di Regione Lombardia con l’assessore regionale all’Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione, è intervenuto all’inaugurazione del nuovo frutteto piantato all’interno delle mura del carcere di Monza.
In particolare, hanno trovato dimora una trentina di alberi di susine di circa 5-6 anni, donati dalla Fondazione Snam.

L’iniziativa creerà un’opportunità di lavoro per i detenuti che curano le piante e di economia circolare, con l’utilizzo dei frutti raccolti per la mensa.
All’evento hanno partecipato il provveditore alle carceri della Lombardia, Pietro Buffa; il prefetto di Monza e della Brianza, Patrizia Palmisani; la direttrice della Casa circondariale; Maria Pitaniello e il sindaco di Monza.

inaugurazione frutteto carcere monza




Attenzione al lavoro

“L’iniziativa di oggi – ha commentato il presidente della Regione – è prova di quanto l’istituzione penitenziaria ponga attenzione al lavoro. Restituisce inoltre un’immagine del carcere come luogo di crescita, sviluppo e occasione di risocializzazione. Di questo, dobbiamo ringraziare i promotori e anche il partner dell’iniziativa, Fondazione Snam”.

“Un progetto lodevole sotto diversi punti di vista. Innanzitutto – ha aggiunto – crea condizioni di recupero e valorizzazione della funzione educativa e riparativa. Sensibilizza inoltre all’innovazione in agricoltura. Attua infatti uno dei principi della rivoluzione green che prevede rimboschimento e coltivazione in aree urbane e periurbane”.

Recupero della persona

“Regione Lombardia – ha aggiunto il governatore – è impegnata per promuovere e sostenere la realizzazione di piani territoriali integrati e complementari per il recupero della persona, la riduzione del rischio di recidiva e il sostegno della piena attuazione delle finalità rieducative della pena”.

È stato quindi evidenziato il percorso mirato alla definizione di percorsi di accompagnamento sociale. Nel 2020/2021, per esempio,  sono stati attivati 35 progetti per oltre 7 milioni di euro. Gli interventi riguardavano prevalentemente il mantenimento e il rafforzamento delle competenze sociali e professionali, propedeutiche all’inserimento nel mercato del lavoro.

Percorsi apprendimento professionale

“Inoltre – ha concluso il presidente – abbiamo portato avanti percorsi di apprendimento professionale e di inserimento lavorativo nella filiera dell’edilizia. Pur in un periodo caratterizzato dalle restrizioni legate all’emergenza Covid, ha visto coinvolte 15 aziende e realizzati 24 percorsi di tirocinio. Il 60% si è poi trasformato in contratti di lavoro”.

“Un momento di confronto utile e proficuo”. Così ha chiosato l’assessore regionale all’Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione.

“Regione Lombardia conferma, ancora una volta, la propria attenzione a ‘tuttocampo’ – ha detto ancora – verso le tematiche del sociale.  Aderisce, infatti, a iniziative importanti che mirano al ‘reinserimento della persona’. Allo stesso tempo, l’attenzione è rivolta anche ai singoli territori con progetti che hanno nell’innovazione un punto di riferimento saldo e qualificato”.
Ava Tanin


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni