Monte Maniva: 17 milioni da Regione Lombardia migliorarne le ricettività

Regione aderisce a Patto Territoriale Monte Maniva. Assessore: finanziati 10 interventi di sviluppo

Regione Lombardia aderisce al Patto Territoriale per lo sviluppo economico, ambientale, sociale e della mobilità del territorio montano del Monte Maniva, in provincia di Brescia. Si tratta di un Patto finalizzato alla realizzazione di dieci interventi infrastrutturali strategici, per un importo complessivo di 17 milioni di euro, di cui 12.518.000 di euro messi in campo da Regione. A prevederlo la delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore a Montagna ed Enti locali.

Strategico anche in chiave Olimpiadi 2026

Al Patto Territoriale aderiscono le Comunità montane di Valle Trompia e di Valle Sabbia, i Comuni di Bagolino e Collio e la società Maniva Ski srl.
“Parliamo di un’operazione strategica – ha spiegato l’assessore regionale – destinata a migliorare il Maniva. Nello specifico le vie di accesso, la mobilità e l’accoglienza, anche in ottica del grande appuntamento Olimpico del 2026 che potrebbe essere anche per questo comprensorio montano una leva importante per il turismo. Continua l’azione di Regione Lombardia – ha sottolineato – in particolare dell’assessorato dedicato, nel finanziare interventi a favore dei territori interessati dalla presenza di comprensori sciistici e a contrastare il trend dello spopolamento delle aree montane”.

La Comunità Montana della Valle Trompia capofila del Patto Territoriale Monte Maniva

Seggiovia rinnovate con Piano Territoriale Monte Maniva






“Grazie al Patto Territoriale – ha continuato l’assessore alla Montagna, - che vede come soggetto capofila la Comunità Montana della Valle Trompia, verranno realizzati dieci interventi strategici. Si tratta dell’adeguamento funzionale impianto di risalita Zocchi con sostituzione dell’impianto esistente. Del rinnovo e potenziamento impianto di risalita Barard con sostituzione dell’impianto esistente. Del completamento impianto polifunzionale antincendio/neve programmata località Dasdana. Della messa in sicurezza della viabilità Anfo-Passo Baremone, con realizzazione piazzole, paravalanghe, ripristino murature di sostegno. Inoltre, della realizzazione di un parcheggio multipiano. Accompagnati da azioni di potenziamento dell’attrattività turistica dei comparti ‘Rocca d’Anfo’ e ‘Lago d’Idro’, con la ristrutturazione dell’ex caserma Zanardelli. Oltre che del collegamento ciclo-pedonale tra centro di Collio e la frazione di Memmo. E dei nuovi servizi per l’utenza in località Persek, con realizzazione di un’area ricettiva alla partenza seggiovia Persech. Infine della realizzazione del Parco giochi in legno in comune di Bagolino e del potenziamento connettività e Smart-Land”.

Il sottosegretario: sport volàno per economia locale

“Questo passo è un passaggio fondamentale verso l’approvazione di un patto territoriale che – ha sottolineato il sottosegretario regionale a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi – porterà benefici all’economica locale. Benefici potenzialmente avvertibili tutto l’anno. L’ammodernamento delle strutture sciistiche del Monte Maniva, la realizzazione di nuovi sistemi di innevamento e il miglioramento dell’accessibilità stradale aumenteranno l’attrattività turistico-sportiva di questa parte poco conosciuta delle Prealpi bresciane. E, non solo nei confronti degli amanti delle discipline invernali. Con la realizzazione, per esempio, del collegamento ciclopedonale tra Collio e Memmo e la sostituzione della vecchia seggiovia Barard con un impianto più efficiente e moderno, aumenterà l’appeal di queste splendide montagne. Anche nei confronti degli appassionati di trekking e mountain bike”.
Ava Tanin

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni