Tartufo lombardo entra nella lista del patrimonio immateriale Unesco

Galli: Mantovano e Oltrepò Pavese miniere di tartufi

La tradizionale pratica della ‘Cerca e cavatura dei tartufi in Italia’ è entrata ufficialmente giovedì 16 dicembre nella Lista rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità dell’Unesco. Si tratta di una candidatura avanzata ben otto anni fa dalle associazioni dei tartufai ai Ministeri della Cultura e dell’Agricoltura. Una candidatura portata avanti dal sottosegretario al Mibac, la senatrice Lucia Borgonzoni.

Lombardia conta 20 riconoscimenti Unesco

Innovamusei




“È una grande notizia – ha commentato l’Assessore all’Autonomia e Cultura della Regione LombardiaStefano Bruno Galli – che premia anche i territori lombardi”. “Per quanto riguarda la Lombardia infatti, rientrano nel riconoscimento – ha ricordato – i territori tartufigeni dell’Oltrepò pavese e del Mantovano, autentiche miniere del rinomato fungo ipogeo, bianco e nero. È un grande successo per il patrimonio culturale della Lombardia. Che può adesso contare ben 20 riconoscimenti Unesco! Va senz’altro riconosciuto l’ottimo lavoro svolto dal Ministero della Cultura”. “Un grazie particolare – ha concluso l’assessore Galli – al sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni”.

Vi. Co.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni