Turismo in Lombardia, via libera al nuovo Piano triennale

Magoni: potenziare l'offerta ricettiva in vista dei grandi eventi

Turismo in Lombardia, ok al Piano triennale. Un turismo sempre più orientato alla digitalizzazione, sostenibile e inclusivo, caratterizzato da un’elevata formazione del personale e in grado di rendere la Lombardia sempre di più la terra dei grandi eventi.

Con questi propositi il Consiglio regionale ha dunque approvato il Piano per lo sviluppo del turismo e dell’attrattività per il triennio 2023-25.

Nuovi investimenti

“Una proposta con una visione lungimirante – ha sottolineato l’assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni – in grado di infondere un deciso cambio di passo all’offerta turistica lombarda per i prossimi tre anni. In quest’ottica va visto la nuova misura da 30 milioni di euro, recentemente approvata dalla Giunta regionale a favore delle strutture ricettive lombarde. Le risorse serviranno a sostenere progetti di realizzazione e riqualificazione di alberghi e strutture ricettive non alberghiere. Il nostro obiettivo è preparare la Lombardia ai grandi eventi internazionali, da Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 sino alle Olimpiadi invernali 2026”.

Turismo Lombardia, Piano triennale condiviso

Il piano è stato il frutto di un percorso partecipato con il coinvolgimento di tutti gli stakeholder e una consultazione pubblica sulla piattaforma Open Innovation, oltre ad una serie di riflessioni che hanno preso lo spunto da indirizzi normativi e indicazioni strategiche (tra i quali la Nota di aggiornamento del DEFR 2023-2025, gli indirizzi strategici della Commissione Europea, le prime informazioni riguardanti il Piano Nazionale del Turismo).

Turismo settore nevralgico

“Abbiamo lavorato cinque anni tra mille difficoltà – ha aggiunto Lara Magoni – la pandemia e la guerra in Ucraina hanno minato un settore nevralgico per l’economia regionale e nazionale. Ma l’impegno, la passione e il sacrificio di tanti imprenditori e operatori hanno permesso al nostro turismo di riprendersi e di mantenere alta l’offerta qualitativa. In tal senso, Regione Lombardia non ha mai fatto mancare il suo sostegno alla filiera”.

Lombardia sempre più attrattiva

La Lombardia, dunque, dovrà diventare “una ‘smart destination’ capace di essere attrattiva, offrire servizi turistici ed esperienze attraverso l’utilizzo di soluzioni digitali innovative”.

Fondamentale per orientare le scelte sarà la gestione dei dati: un loro uso efficiente e integrato può favorire il potenziamento del settore turistico.

“I dati consentono di analizzare, in modo puntuale, cosa vogliono i turisti – ha concluso Magoni – come si muovono e dove vanno. E conseguentemente, di poter progettare esperienze personalizzate, percorsi mirati e servizi specifici. Ringrazio il presidente Attilio Fontana, l’Aula, il relatore Silvia Scurati, i componenti della IV Commissione per l’attenzione riservata al turismo che rappresenta un vero e proprio moltiplicatore di valore, in termini economici, sociali e culturali e si riconferma un asset strategico di riferimento per lo sviluppo regionale e nazionale”.
Mariano Comense

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni