Violenza contro le donne, Locatelli: 4,4 milioni contro il fenomeno

Regione in prima linea per aiutare le vittime di ‘abusi’

Approvata dalla Giunta regionale una delibera che stabilisce le modalità di utilizzo e i criteri di riparto delle risorse del Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità per il contrasto alla violenza sulle donne.

Soldi per sostenere attività intensa e capillare

“Ammontano a 4,4 milioni di euro – ha spiegato Alessandra Locatelli, assessore regionale alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità – le risorse assegnate a Regione Lombardia per portare avanti l’intensa e capillare attività di contrasto alla violenza sulle donne. Nello specifico, i fondi serviranno a sostenere le attività dei centri antiviolenza e delle case rifugio. Ovvero le strutture esistenti sul territorio regionale per donne vittime di violenza. Garantendo la continuità degli interventi in corso”.

Incidenza dell’emergenza sanitaria sul fenomeno

“Nel 2020 l’emergenza sanitaria e le misure adottate, con la conseguente convivenza forzata, hanno fortemente inciso – ha affermato Locatelli – sull’evoluzione del fenomeno della violenza sulle donne, generando maggiori difficoltà per le vittime ad accedere ai servizi di assistenza e accoglienza”.

Regione Lombardia non si è mai fermata

“Regione Lombardia – ha sottolineato l’assessore – non si è mai fermata. Anzi, i centri antiviolenza lombardi hanno continuato a garantire reperibilità telefonica h24 e attività di contrasto anche nei mesi più duri. Solo lo scorso anno le donne prese in carico dai Centri Antiviolenza delle reti territoriali sono state 6.527. Alle case rifugio pubbliche e private presenti sul territorio regionale, che hanno dovuto affrontare un lavoro grandissimo nel corso di questo ultimo anno, andranno 489.000 euro”.

Programmazione di azioni sempre più efficaci

“Con queste ulteriori risorse – ha detto l’assessore – proseguiremo, quindi, nella programmazione di azioni sempre più efficaci. Nonchè nel miglioramento dei servizi a contrasto di questo preoccupante fenomeno”. “Nei prossimi mesi, il nostro obiettivo – ha concluso l’assessore Locatelli – è sostenere con ancora più forza lo straordinario lavoro che viene svolto dalle reti territoriali, dai centri e dalle case di rifugio e accoglienza. Cui va il mio particolare ringraziamento e quello di tutta la Giunta per quanto stanno facendo durante questo periodo di emergenza”.

gus

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni