AL VIA IL ‘WAR REPORTING TRAINING CAMP 2018’

Dal 20 al 24 giugno ad Arvier, lezioni teoriche e prove pratiche per giornalisti e operatori dell’informazione che lavorano in aree di crisi

Torna anche quest’anno il War Reporting Training Camp. Giunto alla sua quarta edizione, il corso rivolto a giornalisti, fotoreporter, videomaker e, in generale, a coloro che si muovono in aree di crisi, si svolgerà ad Arvier, in Valle D’Aosta, da martedì 20 a domenica 24 giugno.

Un intenso programma diviso fra lezioni teoriche e prove pratiche: la scuola, nata da un’idea del fotogiornalista Ugo Lucio Borga e dal giornalista Cristiano Tinazzi (Associazione Six Degrees), si pone l’obiettivo di impartire nozioni sulle procedure di primo soccorso su trauma bellico, sull’utilizzo dell’equipaggiamento di protezione e sulle conoscenze in merito alla sicurezza personale.

I contesti in cui si trovano a operare i professionisti dell’informazione sono, infatti, sempre più rischiosi ed è fondamentale essere preparati e pronti ad affrontare eventuali emergenze. 

Le lezioni sono tenute da esperti in sicurezza e difesa, da operatori medici specializzati in medicina d’emergenza, da psicologi specialisti nella gestione dello stress. I partecipanti dormiranno in tenda in un campo base e si cimenteranno con simulazioni di check-point, esfiltrazione di feriti da zone di combattimento, orienteering e training notturni, imparando così dinamiche di gruppo e di aiuto reciproco. 

Il War Reporting Training Camp è organizzato con il patrocinio del Comune di Arvier, dell’Agenzia Prospekt photographers e del Circolo valdostano della Stampa. Da quest’anno si avvale anche della partecipazione del Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta. 

Sa Mu

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni