Domenica a Brera

Un mondo di emozioni in poesia

Domenica 21 marzo alla Giornata mondiale della Poesia, partecipano anche, e non si poteva dubitarne, la Pinacoteca di Brera e la Biblioteca Nazionale Braidense, con uno speciale omaggio, una maratona di letture in versi, da parte di attori e registi celebri, da Jeremy Irons ad Abel Ferrara, arricchita da testi scelti dal personale della biblioteca.

Continuando la sua serie di importanti iniziative culturali, Brera propone  "Versi di fuga", in cui sono coinvolti tutti i canali social del museo: Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, e il sito pinacotecabrera.org

La poesia va in scena con  il suo potere di trasfigurare la realtà, proiettandoci oltre le apparenze: la sua forza evocativa è necessaria oggi come non mai, nel presente limitato che stiamo vivendo, nel tempo sospeso e ristretto, in cui dobbiamo negarci agli altri. 

Per questa domenica (e non solo) la poesia è particolarmente benvenuta, specie se ad ampliare i nostri confini, ad avvicinarci, ad immaginare una dimensione di libertà a cui siamo costretti a rinunciare, l'intera giornata di questa maratona poetica è scandita da letture affidate a grandi protagonisti del cinema e del teatro internazionale: Jeremy Irons, Sinéad Cusack, Abel Ferrara, Michele Placido, Joe Mantegna, che recitano grandi poeti,William Butler Yeats, Gabriele Tinti, Edgar Lee Masters, T.S. Eliot. 

E non finisce qui. Sul sito bibliotecabraidense.org ci illuminano i bellissimi testi scelti dal personale della Braidense: L’infinito e A Silvia di Giacomo Leopardi, Istruzioni per l’uso della gioia di Franco Arminio, Se di Joseph Rudyard Kipling, Una parola muore di Emily Dickinson, Aprile di William Carlos Williams, Canzone di Jacques Prévert, Sono nata il ventuno a primavera di Alda Merini,

I contributi di Irons, Cusack e Ferrara sono degli inediti assoluti: i due grandi interpreti registrati pochi giorni fa alla Braidense, mentre il regista è filmato durante l’evento tenutosi in Pinacoteca il 6 febbraio e ora cortometraggio: Bleedings, diretto da Jacopo Farina, in cui Ferrara declama un tema a lui consono: i versi di Tinti, ispirati al Cristo alla colonna, meditazione sui temi del peccato e della redenzione. 

Le letture di Placido e Mantegna, già pubblicate dalla Pinacoteca recuperano invece due dei contenuti più preziosi, condivisi durante i primi mesi di lockdown, della serie C’era una volta in Biblioteca... Una scelta simbolica su come Brera abbia affrontato la separazione dal suo pubblico e, al contempo, ribadisce il ruolo della poesia nell’infonderci coraggio, nel donarci sollievo, con l’auspicio di tornare presto “a riveder le stelle”.

Ecco il programma di Versi di fuga:

ore 9,00: Sinéad Cusack legge The Lake Isle of Innisfree di William Butler Yeats

ore 11,00: Michele Placido legge Il silenzio di Edgar Lee Masters

ore 13,00: Abel Ferrara legge Bleedings di Gabriele Tinti

ore 15,00: Sinéad Cusack legge The Second Coming di William Butler Yeats

ore 17,00: Joe Mantegna legge Little Gidding di T.S. Eliot

ore 19,00: Jeremy Irons legge Leda and the Swan di William Butler Yeats

Grazia De Benedetti

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni