Gli scapigliati a Palazzo delle Paure di Lecco

L'avvincente mostra “La Scapigliatura. Una generazione contro” a cura di Simona Bartolena è riaperta al pubblico presso il Palazzo delle Paure a Lecco. L’edificio, posto sul lungolago e ricostruito nel decennio 1916 - ’26 in stile eclettico medievale, deve il suo strano nome al fatto che prima di diventare museo era sede dell’Intendenza di finanza, della dogana e del catasto, quindi in grado di incutere “paura” per tasse e balzelli alla gente.

Non è un caso che la comunità lecchese proponga una mostra a tutto tondo sugli scapigliati, in quanto questo movimento ha trovato terreno fertile e si è radicato in diversi luoghi del suo territorio, a Villa Gola di Olgiate Molgora, punto di incontro di artisti e musicisti come Arrigo Boito, a Barco dove si ritrovano Errico Petrella e Amilcare Ponchielli e infine a Villa Greppi di Monticello Brianza. Qui Tranquillo Cremona e Daniele Ranzoni condividono le loro innovazioni pittoriche, fatte di pennellate vaporose, di contorni sfumati se non sfatti e di pochi punti di luce (sarà il bianco steso con le mani a provocare la morte precoce di Cremona per avvelenamento da piombo), in modo da fondere le immagini con l'ambiente, tensione  in seguito coltivata in scultura da Medardo Rosso e fatta propria da Boccioni.

Ricordiamo che il movimento prende vita e nome in campo letterario dal romanzo di Cletto Arrighi, La Scapigliatura e il 6 febbraio, edito nel 1862 e velocemente si propaga alle arti visive e alla musica, intesa come linguaggio unificante delle arti. Un romanzo-manifesto che veicolava uno spirito  estremamente romantico e patriottico ma anche anarcoide. Di fatto gli scapigliati mostrano da subito una delusione per l'Italia post unitaria; si ritrovano declassati sia socialmente sia sul piano economico e si dibattono tra nobili ideali di patria e vita ai limiti del degrado.

Tanti tuttavia i committenti delle loro opere a Lecco e a Milano, a partire dal mercante e pittore divisionista Vittore Gubricy, che li introduce in campo internazionale, in particolare a Londra. Proprio il capoluogo lombardo raccoglierà gli artisti scapigliati intorno a Brera, presso la Famiglia Artistica e l’Umanitaria. 

La mostra,  prodotta da ViDi in collaborazione con il Comune di Lecco, è in cartellone fino al 2 maggio e raccoglie circa ottanta opere di seguaci del movimento:  oltre ai già nominati Cremona e Ranzoni, di Grandi, Carnovali detto il Piccio, Pellizza da Volpedo, Faruffini, Segantini e Luigi Conconi, che da architetto ha collaborato alla costruzione di palazzo Turati di Via Meravigli, oggi sede della Camera di Commercio.

Un movimento, quello degli scapigliati, di stampo prettamente lombardo e tuttora in grado di coinvolgere il pubblico perché frutto di una generazione contro.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni