L’Arte della guerra alla Biblioteca Braidense

“L’Arte della guerra” è un titolo bellissimo, riesce quasi a far dimenticare che  guerra significa devastazione violenza, morte. E, se non bastasse, è il luogo della mostra, la splendida Biblioteca Nazionale Braidense, che aiuta a mettere da parte i pensieri molesti.

Nella Sala Maria Teresa fino al 2 aprile sono esposti più di cento volumi di architettura militare, artiglieria, tecnica di assedio e difesa delle fortificazioni, con incisioni bellissime, scelti tra la miriade delle collezioni antiche della Biblioteca.

"Uno degli scopi della  mostra, - ha sottolineato James M. Bradburne direttore della  Braidense e della Pinacoteca di Brera, - è proprio di evidenziare un patrimonio inestimabile mai esposto al pubblico. Altra motivazione è mettere in luce due temi attuali: la guerra, componente umana e costante, è un argomento rilevante per parlare delle persone coinvolte in conflitti contemporanei e per sottolineare che la necessità di migliorare e illustrare armi e strategie è un elemento propulsivo per scoperte scientifiche e rappresentazioni artistiche".

A cura di Fausto Lanfranchi, Guido Zavattoni e Aldo Coletto, con il contributo di importanti studiosi, la rassegna, articolata in 7 sezioni, aiuta a capire il mondo delle armi, componente non marginale della società, della storia e della cultura europea dell’Età moderna, raccontando la trattatìstica militare sviluppata fin dal XV secolo nell’Italia del Rinascimento, eccezionale laboratorio d’avanguardia anche sulla guerra  e dal quale si svilupparono le novità dell’Europa del Seicento.   

In esposizione libri e incunaboli preziosi, stampati tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Settecento in Italia e in Europa, selezionati dal patrimonio della Braidense, specie dal Fondo del Collegio dei padri Gesuiti di Milano, un tempo presso il palazzo di Brera, oltre a modellini di cannoni, bombarde e altri strumenti di artiglieria, sempre di quella scuola militare, e dieci rari trattati sulle fortificazioni, di una collezione privata. Tutto è interessante. Segnaliamo, insieme ai pannelli che da un lato guidano il visitatore e dall'altro mettono in evidenza frasi notevoli dei testi, quattro vetrine con le piante del Castello Sforzesco e delle altre piazzaforti del Ducato di Milano, dell’ingegnere militare milanese Gaspare Beretta, al servizio della Corte Spagnola nel Seicento: acquisite di recente dalla Braidense, provengono dalla Biblioteca del XIII duca d’Alba. Notevoli anche due manoscritti del generale Montecuccoli, al servizio degli Asburgo contro gli Ottomani e i Francesi di Luigi XIV, i quali illustrano la complessità del sapere militare in cui confluiscono differenti ricerche e discipline. 

Grazia De Benedetti  Biblioteca Braidense – via Brera 28 -lun/venerdì 9.30 13.30 (ultimo ingresso 12.30).

bibliotecabraidense.org -  tel.02 72263401 

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni