ROMA MOTO FILM FESTIVAL

I vincitori dell'edizione 2019

L'ex deposito ATAC Ragusa off di Roma ha ospitato il 16 novembre la premiazione del festival dedicato a corti, lungometraggi e documentari che vedono protagonista la motocicletta.
La premiazione conclude una maratona iniziata il 14 novembre che ha visto la proiezione di lavori provenienti da ben 17 paesi. I premi sono andati: per il miglior documentario lungometraggio a Steven Maes con Caffeine & Gasoline: Evolution of the American Rocker; per il miglior documentario cortometraggio a Motorcycle Man di Daniel Lovering, per il miglior cortometraggio a Dove di Eugenio Forconi (a cui è stato conferito anche il Premio del Pubblico). Una menzione speciale, nella categoria documentario cortometraggio, è andata a I hate Ladies del trio di registe Sofia Wikelid, Vanja Lamm e Agnes Wentzel Blank.
I premi sono stati realizzati da Massimo Fuchs, titolare di un'officina nel ravennate, che li ha realizzati a partire da oggetti di recupero di vecchie moto.
Di seguito una panoramica dei premiati:
Miglior documentario lungometraggio Caffeine & Gasoline: Evolution of the American Rocker:
Ogni rider ha una storia: dai "vecchi Rocker" che erano lì fin dall'inizio, ai costruttori che stanno producendo il futuro delle motociclette, alla prossima generazione di motociclisti al femminile e ai giovani che stanno portando avanti lo spirito e la passione della cultura cafe racer. Dalle radici nella East London degli anni '60 alla leggendaria cultura motociclistica "59 club", la cultura dei Rockers e "Cafe Racer" ha attinto molto dalla musica e dalla moda americane, come anche dalla ribellione e controcultura britannica. Si esplora questa storia antica e il crescente movimento classico moderno, senza perdere di vista la comunità dei cafe racer, scoprendo un gruppo ampio e vario che è attratto dalla "sottocultura nella sottocultura" delle motociclette.
Miglior Documentario Cortomeraggio - Motorcycle Man di Daniel Lovering
Il breve documentario ricostruisce la storia di un uomo con una sola passione nella vita: le corse in moto. Si tratta di Dave Roper che corre dal 1972 e ha vinto centinaia di gare in tutto il mondo. Lo caratterizza un approccio filosofico alla corsa che è vista come una prova di abilità mentali e fisiche. Il corto ripercorre la sua storia attraverso gli anni, le gare e le vittorie.
Miglior Cortometraggio - Dove vai di Eugenio Forconi: è la storia di una giovane coppia formata da Claudio e Giulia che si trova difronte all'arrivo inaspettato di un figlio. Per esorcizzare l'incertezza e anche la paura di questa nuova avventura Claudio compie diversi viaggi sulle montagne toscane che diventano metafora di un lungo viaggio interiore.

Antonella Di Vincenzo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni