SALONE DEL LIBRO DEL 16 MAGGIO - 2

Una sintesi di temi e interventi

Il secondo intervento interessante della giornata, almeno secondo chi scrive, è stato quello di Ezio Mauro dal titolo Il virus e l’infezione della democrazia.

Anche in questo caso prende spunto dal suo ultimo lavoro Liberi dal male.

Un intervento molto denso di concetti e spunti che cercherò di sintetizzare per temi:

La paura

Da sentimento nei confronti del virus a sentimento che contagia la politica, la società, i rapporti tra le persone. Tutto è in squilibrio. Per la prima volta tre generazioni - i padri, i figli, gli adolescenti - si trovano ad affrontare l'indefinito.
Per parlare del virus si usano le stesse parole della xenofofobia: è un elemento clandestino, diverso, che ci colonizza.

Le persone

All'improvviso si è rotto quell'equilibrio che vedeva negli anziani una categoria privilegiata con tempo e soldi da spendere per sé e per gli altri. È come se il virus avesse cristallizzato questo momento della vita per aggredirlo e cancellarlo.

In alcuni, paesi, lo ricordiamo, i medici sono stati costretti a scegliere di curare chi aveva un'aspettativa di vita più lunga.
Anche il nostro paese non ha saputo avere cura di loro e gli scandali nelle Rsa sono lì a dimostrarlo.

Il lavoro

Se la maggior parte degli italiani ha potuto sopravvivere per due mesi in confinamento lo si deve a quanti ci hanno difeso (il personale medico e infermieristico) e a quanti hanno garantito i servizi essenziali.
Il lavoro non è stato solo merce ma un atto di responsabilità e di generosità sociale.

La democrazia

Il virus riguarda tutti i governi. Quelli palesemente autoritari come la Cina. I tanti a tendenza autocratica come l'Ungheria, senza andare troppo lontano, e le democrazie.

I primi due lottano imponendo leggi speciali ed eccezionali.

La democrazia affrontando il caos con provvedimenti urgenti, invadendo lo spazio della libertà individuale che, di norma, non le compete, sporcandosi le mani con il virus (immagine mia, ndr).

Ma quando l'emergenza sarà finita, la democrazia sarà in grado di mettere via questi strumenti.

Mauro conclude: "Il vero vaccino è la democrazia".

adv


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni