Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” di Simon Stephens dal best-seller di Mark Haddon, spettacolo coprodotto da Teatro dell’Elfo e Teatro Stabile di Torino, visto da più di 20.000 spettatori al debutto e nelle repliche torinesi, torna all'Elfo, dal 4 al 16 maggio (martedì/sabato 19:15, domenica ore 16), per ‘ri-inaugurare’ questa stagione tormentata, interrotta nell’ottobre scorso.

Torna in scena, perché la storia di Christopher, un quindicenne che decide di indagare sulla morte del cane della vicina, continua a commuovere e a conquistare lettori e spettatori dal 2003, quando è stato pubblicato con successo il libro, tradotto in oltre venti paesi e approdato 10 anni dopo al National Theatre di Londra. 

Christopher, che adora Sherlock Holmes, comincia a indagare il mistero  e a scrivere un libro secondo lo stile del suo eroe-detective, mettendo insieme gli indizi dal suo punto di vista, che è piuttosto speciale. Il ragazzo infatti ha un disturbo di tipo autistico che complica il suo rapporto con il mondo: odia essere toccato e certi colori e cambiamenti, e non riesce a interpretare l'espressione dei visi. Eppure lui non solo riuscirà a scoprire chi ha ucciso il cane, ma anche molto altro, mettendo a nudo gli egoismi e l'indifferenza degli adulti. E sarà un successo. 

In una scena, animata dai bei disegni di Ferdinando Bruni che illustrano vicende e sentimenti e sembrano uscire dalla fantasia del protagonista, la storia, corroborata dalle musiche originali di Teho Teardo e dal video di Francesco Frongia, si snoda a pieno ritmo, su toni lievi e divertiti nonostante l'argomento difficile da trattare.  

Lo spettacolo, con la regia di Ferdinando Bruni e Elio De Capitani, sa essere profondo, empatico e straordinariamente vero, sostenuto da un bravissimo Daniele Fedeli, interprete di eccezione di un ragazzo infelice, solo, che insegue la vita ed è pieno di tenerezze e di curiosità. Attorno a lui un grande cast di ottimi attori, ben noti al pubblico dell'Elfo: Corinna Agustoni, Cristina Crippa, Elena Russo Arman, Ginestra Paladino, Debora Zuin, Nicola Stravalaci, D.Lorino, M. Bonadei, A. Mor.

Grazia De Benedetti

L'accesso alle sale sarà garantito da mezz'ora prima dell'inizio dello spettacolo, per limitare assembramenti in Galleria, botteghino e foyer. L'ingresso del pubblico all'interno del teatro sarà gestito in modo tale da garantire il rispetto del distanziamento interpersonale. Le maschere di sala, la segnaletica su parete e a terra e i messaggi audio diffusi in sala indicheranno al pubblico i percorsi da seguire in ingresso e in uscita. Il pubblico deve attenersi alle regole delle nuove disposizioni Covid, mascherina, distanziamento e tutte quelle obbligatorie.   -  

Teatro Elfo Puccini,  corso Buenos Aires 33 – Mart/sab 19:15, dom 16:00 – Durata: 120 minuti senza intervallo

Prezzi: intero € 33 / rid. giovani e anziani €17,50 / online da € 16,50- Info e prenotazione: tel. 02.0066.0606 – biglietteria@elfo.or  

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni