Rock drill sperimentazione al Pacta Salone

“Rock drill” ed è subito “azione dirompente”. Significa ‘perforatrice di roccia’, perché la stagione 2022-2023 del PACTA Salone vuole scavare in profondità per trovare un nuovo terreno da cui ricominciare.

E “Rock drill” è anche il titolo del lavoro realizzato dall’artista Jacob Epstein per rappresentare l’uomo del futuro.

All'insegna della sperimentazione si presenta quindi questa ricca stagione teatrale: 55 spettacoli, 148 aperture di sipario, 18 prime, 11 produzioni e coproduzioni PACTA.dei Teatri, tra novità e riprese, di cui 3 sono progetti speciali storici (DonneTeatroDiritti, pactaSOUNDzone, Parapiglia TeatroInFamiglia), più il Festival ScienzaInScena, giunta alla sesta edizione, e il ritorno, dopo il successo dell'anno scorso, di Apriamo le gabbie, rassegna di danza e arti a tecnica mista. Debuttano inoltre due novità: una tre giorni di “stand up comedy", ovvero monologhi comici, e una dedicata alle nuove compagnie appena uscite dalle scuole di teatro. 

-Un’azione dirompente, -spiega la direttrice artistica, Annig Raimondi -è necessaria in tempi ancora dettati da incertezza, fragilità, malattia, transitorietà, isolamento e distanza: fattori con cui ognuno è chiamato quotidianamente a confrontarsi. La lunga marcia è partita e tutte le arti devono scendere in campo. Macro obiettivo è quello di riavviare in modo deciso e innovativo l’interesse verso la Cultura e le attività culturali, scuotendo le coscienze delle persone per far crescere l’intera comunità e impedire l'isolamento di quelle periferiche, rendendole partecipi sia al teatro che alla vita sociale, non più come soggetti del sistema del consumo, ma come produttori-.

Maria Eugenia D’Aquino, presidente di PACTA, sottolinea l'importanza del progetto che merita più respiro, proprio per la particolare attenzione al territorio e alle attività che vi propone: -PACTA è l'acronimo di Progetto Arte Cultura Territorio Associati: un nome che rappresentava una strada già intrapresa, ma anche una promessa a un percorso futuro. Quello che avviene nel nostro PACTA Salone si propaga nello spazio-tempo del territorio, della città, e si trasforma, dando origine a una miriade di incontri, confronti, interazioni con i luoghi intorno a noi, ma soprattutto con le persone che li abitano.

Grande attenzione è dedicata anche alle scuole e agli  spettacoli di giovani compagnie di prosa e di danza, provenienti dalla Lombardia e da tutta Italia, che affrontano le stesse difficoltà e rischi, soprattutto economici, in cui si trova PACTA, munita del suo  Rock drill, pieno più che mai di energia, passione e resistenza 

Già ad ottobre si respira una ventata di freschezza, con i primi 4 appuntamenti su 6 spettacoli di Vetrina contemporanea, testi di giovani autori e attori. Dal 7 al 9, “Molly, le nebbie dell’esistere” una produzione Seven Cults, con la regia di Filippo d’Alessio: dal personaggio di Molly Bloom dell'“Ulisse” di Joyce, un dialogo fra due donne che tocca tutti i temi delle loro vite fino alle intimità più profonde, ma improvvisamente una delle due donne scompare... Dal 13 al 16, “Levitico pentateuco #3”, da “The Mexican” di Jack London, uno  spettacolo che affronta il tema delle regole; dal 20 al 23, in prima nazionale “La madre del marito di mio figlio, si domanda quanto è moderno il nostro paese oggi rispetto alle unioni civili; mentre “Sybil, Una donna divisa tra molteplici esistenze”, dal 25 al 27 ottobre,  narra del disturbo della personalità multipla e del suo riconoscimento a livello scientifico e sociale.

Orari spettacoli: martedì - sabato ore 20.45; domenica ore 17.30; lunedì riposo.  

Grazia De Benedetti 

PACTA SALONE - via Ulisse Dini 7, Per informazioni: www.pacta.org - mail: biglietteria@pacta.org -tel, 02/36503740  –   ufficioscuole@pacta.org


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni