CALUNNIE AL PD MILANO METROPOLITANA

Quartapelle: "Cerno dovrebbe dimettersi"

"Tommaso Cerno ha provato a chiedere scusa a metà, ma non basta. Magari gli basterà a evitare una querela per aver dato dei mafiosi alla segretaria del PD di Milano. Ma le sue scuse di ieri non gli basteranno per far cambiare l’opinione che i milanesi hanno maturato su di lui. Eletto il 22 febbraio 2018, in due anni ha preso la parola nell’aula del Senato tre sole volte, e ha partecipato al 4,67% delle votazioni. Non può dire che tutte le sue assenze siano motivate da ragioni di salute: per esempio nella giornata di ieri non si è presentato a votare in Senato ma ha avuto tempo di andare alla trasmissione Un giorno da pecora a concionare in modo sconclusionato e avvilente. Anche a Milano non si è mai visto: dopo l’elezione non ha fatto neanche un'iniziativa nella città che lo ha votato, nonostante in campagna elettorale avesse promesso di trasferirsi a Milano, di aprire un ufficio a Milano e di essere presente nel collegio. L’unica volta nella quale i milanesi hanno sentito parlare di lui in questi due anni è per le sue assenze, per la posizione stravagante sulla TAV e per gli insulti che ha rivolto al PD di Milano.
Le sue frettolose scuse di ieri non gli basteranno a farci cambiare l’opinione rispetto alla sua maleducazione: gli insulti rivolti alla segretaria del PD di Milano restano e sono stati censurati non solo da tantissimi militanti e dirigenti del PD che stimano e sostengono Silvia Roggiani, ma dagli stessi esponenti milanesi del nuovo partito di Cerno, Italia Viva.
Le sue scuse a metà non basteranno a risolvere la vertenza legale con la federazione di Milano. Tommaso Cerno, al momento dell’accettazione della candidatura, nel gennaio 2018, aveva firmato un impegno a contribuire alle spese del Partito che lo ha eletto. Dalla federazione gli sono arrivati vari solleciti, a partire da agosto 2018, a onorare i suoi impegni, e poi è partita una azione legale il 10 luglio 2019, ben prima delle sue dichiarazioni contro la TAV che Cerno strumentalizza e usa per motivare una presunta campagna politica nei suoi confronti.
Come elettrice milanese, come esponente del PD, come candidata che con lui ha fatto alcune iniziative elettorali, sono sconcertata dal comportamento di Cerno. Se avesse dignità per sé stesso e rispetto per i suoi elettori dovrebbe dimettersi". Così in una nota la deputata milanese del Partito Democratico Lia Quartapelle


Antonella Tauro
Ufficio stampa PD Milano
www.pdmilano.eu


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni