COVID 19 E L'ECONOMIA NELL'UNIONE EUROPEA

Riusciranno a trovare una soluzione i ministri dei 27 Stati?

Dopo la sospensione del patto di stabilità deciso dai ministri dell’economia dei ventisette Stati UE, il dibattito di questi giorni si concentra sugli interventi che l’Unione europea può mettere in campo per sostenere l’economia, duramente provata dalle misure in atto per contenere l’epidemia di Covid-19.
L’interesse è su due istituti. Il primo è il MES (meccanismo europeo di stabilità), noto anche come fondo salva-stati. Oggetto di confronto sono le modalità con cui mobilitare le sue linee di credito (per un ammontare di circa 410 miliardi di euro) senza incorrere nei meccanismi di condizionalità che le attuali clausole del MES prevedono, ossia un programma di rientro dal debito e di rigore di bilancio che il Paese destinatario delle sue erogazioni si impegna a porre in essere.
Qui si fronteggiano due visioni: da un lato chi (Italia, Spagna ma anche Francia), facendo leva sull’eccezionalità del momento, propone un uso flessibile dello strumento, senza condizionalità, dall’altro c’è chi (Olanda in testa, ma anche Germania e Austria) non ammette deroghe al funzionamento del meccanismo.

Il secondo strumento su cui il dibattito si concentra in questi giorni è l’emissione di obbligazioni a livello europeo, i così detti coronabond.
L’ente deputato all’emissione sarebbe il MES oppure la Banca europea degli investimenti.
Tali emissioni consentirebbero il reperimento di ingenti risorse a tassi relativamente contenuti. Essendo debito garantito da tutti gli Stati UE non vi sarebbe il problema dello spread e del conseguente circolo perverso che attanaglia le emissioni dei singoli Stati, specie se molto indebitati. 
Ma il punto è proprio qui: mettere in comune il debito tra Paesi UE. 
Gli Stati del Nord, Germania in testa, hanno sempre avversato questa ipotesi, ritenendo inaccettabile la possibilità di doversi fare carico di debiti emessi da altri Paesi, non altrettanto virtuosi in materia di conti pubblici.

La crisi del debito sovrano del 2008 e i conseguenti pericoli per l’euro non furono sufficienti per un’inversione di rotta. Lo sarà il coronavirus? L’appello lanciato da Mario Draghi sulle colonne dei Financial Times, pur senza entrare nel merito dei singoli strumenti, è chiarissimo.
La storia continua…

Il Busillis

 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni