PER FAVORE NON UCCIDETE CENERENTOLA

A ognuno la sua fiaba. E il suo finale. Esordisce sul palco del Martinitt il testo vincitore dell’edizione 2018 del concorso per giovani penne “Una commedia in cerca d’autori”. Una riflessione profonda sull’amore in ogni sua sfaccettatura, compreso il complicato rapporto genitori-figli. Pensieri e aspirazioni, timori e fantasmi nell’esistenza malinconica, ma ancora carica di speranza di un uomo rimasto solo, ma non troppo. In scena dal 28 novembre al 15 dicembre.

Per favore non uccidete cenerentola, di Riccardo Mazzocchi, diretto da Roberto Marafanteon Sebastiano Colla (Leonardo), Ludovico Fremont (Glauco), Susanna Laurenti (Anna), Valeria Monetti (fantasma di Teresa) ed Enrico Torzillo (Michele). Produzione La Bilancia. Aiuto Regista Alberto Cassarino, Scene Rossella Inzillo, Costumi Giusy Nicoletti, Luci Stefano Valentini.
Glauco, vedovo che (soprav)vive in un piccolo paese di provincia e padre di due gemelli, è attanagliato dalla sindrome del nido vuoto: i suoi figli stanno per andarsene di casa e lui è terrorizzato all’idea di restare solo, ma soprattutto di sentirsi –di nuovo- solo. Una paura in realtà del tutto infondata, perché a dargli il tormento ci si mettono il suo migliore amico Leonardo e… il fantasma irriverente della moglie Teresa. Glauco, per poter vivere il proprio futuro, deve scendere a patti con il passato. Con toni ironici e a tratti anche amari, ma con estrema delicatezza, lo spettacolo toglie ogni velo all’amore, in tutte le sue più disparate (a volte scomode) declinazioni.  

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni