OMAGGIO AL GENIO DI ROSSINI

Tra sacro e profano, con il concerto “Treni e troni, preghiere e scongiuri”, sabato 15 dicembre allo Spazio Teatro 89

Il genio rossiniano, si sa, è multiforme, ambiguo e inafferrabile. Forse è tutto già scritto nell'oroscopo, poiché nascere il 29 febbraio pare sia un buon punto di partenza per una vita eccentrica. Di sicuro, è possibile ravvisare in Rossini un uomo bisestile come pochi altri nella sua propensione all'originalità, all' ironia e alla provocazione intellettuale.  
Sabato 15 dicembre alle ore 20,30 ingresso 7-10 euro , allo  Spazio Teatro 89 , nell'ambito della rassegna di classica “ In Cooperativa per Amare la Musica” in programma il concerto - a lui dedicato - intitolato “ Treni e troni, preghiere e scongiuri” con la partecipazione del Coro polifonico Romano Gandolfi di Milano diretto da Massimiliano Tarli, il mezzosoprano Kulli Tomingas, il pianista Luca Schieppati e la fisarmonicista Polona Tominec. 
Il concerto sarà un viaggio, tra sacro e profano, nello stile bisestile di un genio.
Programma: Salve, o Vergine Maria; O salutaris hostia (a cappella); Ave Maria; Trois Choeus religieux: La Foi, L'Espérance, La Charité (coro femminile); Tantum ergo (coro maschile); “Agnus Dei” dalla Petite Messe solennelle (contralto e coro); dai Péchés de vieillesse: Un petit train de plaisir
Adieux à la vie! (Élégie sur une seule note); La chanson du bebé; Petit caprice (Style Offenbach)
Due “Mi lagnerò tacendo” (Il Rimprovero; il Risentimento); La Danza “Dal Tuo stellato soglio”, Coro dal Mosè.

Ava Tanin

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni