A. PELLEGATTA

Per scrivere un numero sufficiente di versi 


Per scrivere un numero sufficiente di versi 

bisogna essere stati nervosi molti giorni


in ulcerata gioia.


Statue senza colori indicano le finestre 

hanno acconciature anni ’60, dei loro poeti 

ci sembra più vicino Cavalcanti.


Non tutti verificano ciò che è stato fatto

- qualcosa a vent’anni che neanche ci si accorge

i primi movimenti del poemetto per la madre

una decina di liriche piombate. 


Non è che ci sia poi tanto conforto 

nei piccoli occhi epilettici dei fiori.

Un tetro calamaro muove invece

i suoi tentacoli nella mia testa, i tuoi concetti. 


Da Bisestile di poesia 2016 - EDB Edizioni Milano - Euro 12,00
Per ordinazioni chiedere in libreria oppure a edbedizioni@libero.it