A ROMA I 19 ITALIANI DELLA DIAMOND PRINCESS

Alle 6,37 del mattino è atterrato all’aeroporto di Pratica di Mare (Roma) l’aereo dell’Aeronautica militare con a bordo i diciannove italiani della Diamond Princess, la nave posta in quarantena in Giappone per allarme Coronavirus.
Al termine delle visite di rito, i connazionali saranno trasferiti presso il Centro Sportivo dell’Esercito alla Cecchignola.

Parla il presunto “paziente zero” in Lombardia: il manager rientrato dalla Cina lo scorso 21 gennaio e indicato come possibile causa del contagio del 38enne ricoverato a Codogno in gravi condizioni, ha rilasciato alcune dichiarazioni a ‘Milano Today’: “Dicono che sono il paziente zero, ma non mi trovano niente. Non è detto che, perché sono stato in Cina, devo aver preso io il Coronavirus”.

Poi ha raccontato: “Con M. abbiamo fatto due cene e abbiamo preso una birretta ma sono sempre stato bene, solo un accenno di raffreddore che non è sfociato in influenza. Fino a ieri sera alle 11 mangiavo e bevevo, non sapevo niente di questo virus”.

Il test a cui è stato sottoposto è risultato negativo. Questa la sua reazione: “Come me lo spiego? Non mi spiego niente. Parlo con i medici per telefono, ma ho più notizie dalla televisione”.

Sul suo stato d’animo, il presunto “paziente zero” ha detto: “C’è un mio amico che rischia di morire” E poi: “Voglio sapere il responso del tampone sui miei genitori”. L’esame del Coronavirus è stato fatto anche dalle due sorelle e dal nipote.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni