ALTRI SBARCHI A LAMPEDUSA

Nella notte tra il 04 e il 05 maggio

L'isola di Lampedusa resta, per i migranti in partenza dalle coste libiche sfuggendo situazioni al limite dell'umano, l'ancora di salvezza, il luogo da raggiungere a ogni costo.

Poco importa l'emergenza coronavirus.

La scorsa notte sono approdate, in autonomia, due imbarcazioni con centotrentasei persone a bordo.

Il centro di accoglienza dell'isola ha già raggiunto, da mesi, il massimo della sua capienza, motivo per cui le tende per i primi accertamenti sanitari sono state montate in tutta fretta sulla spiaggia dello sbarco.

Il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello e il governatore Nello Musumeci hanno chiesto, da tempo, l'arrivo di una nave da adibire a luogo di quarantena.

Questa scelta serve sia a rassicurare gli isolani alle prese con la paura del virus sia ad alleggerire le strutture sanitarie.

La reazione di Musumeci, in questo caso, è stata particolarmente dura.

Le sue parole, riportate dal sito Rai news di oggi, sono state:
"Lampedusa vive una condizione di seria preoccupazione. Non è possibile che i natanti con i migranti debbano potere arrivare sull'isola e sbarcare quei poveri fratelli quando l'hotspot (il centro di accoglienza, ndr) è assolutamente stracolmo".

E ancora: "[...] Non ci vuole molto... La Sicilia ha già tantissimi problemi, e il Governo non può assolutamente scaricare questo dramma sul sistema sanitario e sociale regionale, alimentando una forte tensione tra i cittadini e la paura di una nuova diffusione del contagio del coronavirus".

redazione 2


Se la Sicilia è un pezzo d'Italia e se l'Italia è un pezzo d'Europa è tutta l'Europa (e non solo) che deve risolvere il problema dell'emigrazione in rapporto:

- all'esigenza della forza lavoro,

- a un'accoglienza che non  si presti ad essere legata al vagabondaggio e alla criminalità,

- con l'obbligatorietà di frequentare corsi di lingua e di conoscenza di leggi, cultura e storia dell'occidente,

- con un'assunzione di almeno 4 ore giornaliere -garantendo così vitto e alloggio in mense  e sedi comunali per lavori vari, come la cura di orti, parchi, giardini, canali ecc

edb

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni