CESTINI IN CERCA D'AUTORE

Premiate in Sala Alessi le tre classi vincitrici del concorso

La personalizzazione creativa dei cestini per la raccolta differenziata utilizzando ogni tipo di tecnica artistica e materiali di riciclo. È questa la sfida per la quale si sono confrontate 133 classi, con il concorso ‘Cestini in cerca d’autore’ promosso da A2A, Amsa e Comune di Milano.  Le vincitrici sono state la Seconda B dell’I.C.S. De Andreis Scuola Meleri (Scuola Primaria), la Seconda B dell’I.C.S. Cadorna Scuola Ricci (Scuola Secondaria di I grado) e la Terza D LSAM dell’I.I.S Torricelli (Scuola secondaria di II grado).
Le classi sono state premiate in Sala Alessi a Palazzo Marino alla presenza della vicesindaco Anna Scavuzzo, dell’assessore all’Educazione Laura Galimberti, della presidente di Amsa Emilia Rio e di Yuri Coppi, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano. A condurre la manifestazione Max Laudadio.
Agli studenti sono stati presentati alcuni video didattici per la sensibilizzazione su alcune tematiche ambientali, tra queste l’economia circolare, la raccolta differenziata, oltre le possibili soluzioni per affrontare il problema dei cambiamenti climatici. Il concorso rientra in #Ambienteascuola.
Il progetto volto alla sensibilizzazione sulla corretta raccolta differenziata, che ha preso il via nell’autunno del 2018 con il contributo dei consorzi Cial, Comieco, Corepla e Ricrea, ha visto la partecipazione di circa 12.000 studenti: 3.000 contenitori per la raccolta differenziata di plastica e metallo, carta e cartone e indifferenziata che sono stati consegnati alle 11 scuole Primarie e Secondarie di I e II grado coinvolte, distribuite in una trentina di plessi scolastici nei nove Municipi della città. L’iniziativa tende a migliorare la percentuale di raccolta differenziata che nel Comune di Milano ha raggiunto il 62%, un risultato che pone la città al vertice tra le metropoli europee.
Sempre per il progetto #Ambienteascuola ci saranno oltre 20 incontri formativi e informativi nelle scuole coinvolte, per illustrare il funzionamento e promuovere le corrette prassi del conferimento. Ai docenti sono state presentate anche altre opportunità didattiche collegate. Durante la mattinata è stata presentatala fase due del progetto, che partirà con il nuovo anno scolastico e include l’estensione del primo progetto a tutte le Scuole secondarie di I grado statali cittadine e la creazione di due scuole totalmente plastic free.

Manuelita Lupo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni