CORONOAVIRUS E NUOVE TERAPIE

Che ruolo gioca la vitamina D nel contrasto alla malattia?

Pur restando nel campo delle ipotesi, gli scienziati stanno osservando che rapporto c'è tra la carenza di vitamina D nell'organismo e l'esposizione al virus.
Al momento non ci sono studi avviati in questo senso.
La considerazione sul ruolo di questa vitamina nasce piuttosto da un'evidenza scientifica.
Chi ha poca vitamina D ha una maggiore tendenza a sviluppare infezioni, specie nelle basse vie aeree.
Ma come è possibile aumentare la sua presenza nell'organismo?
Il principale fattore che stimola l'organismo a sintetizzare la vitamina D è l'esposizione alla luce del sole che sia la tintarella estiva o il tempo trascorso all'aria aperta.
In quest'ultimo caso almeno tra i 30 e i 60 minuti al giorno. 
Come è facile intuire, però, questo da solo, non basta.
Serve un'integrazione farmacologica.
Lo stabilisce anche una Nota dell'Agenzia del farmaco che la raccomanda, in particolare, a:
- donne in gravidanza o in allattamento;
- persone affette da osteoporosi;
persone con disturbi alla tiroide
- persone con diabete

Un'integrazione di vitamina D può quindi rafforzare l'organismo anche in vista di una potenziale infezione da coronavirus.


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni