DERAGLIA UN TRENO NELLE VICINANZE DI LODI

Morti i due macchinisti. Bloccata la circolazione verso Bologna

Alle 5,35 del 06 febbraio il treno alta velocità diretto a Salerno ha deragliato.
All'altezza di Ospedaletto Lodigiano, la motrice, per cause ancora da chiarire, si sarebbe staccata dal resto del treno all'altezza di uno scambio uscendo dai binari.
Si è quindi schiantata contro un deposito. Morti sul colpo i due macchinisti di 51 e 59 anni, Giuseppe Cicciù di Reggio Calabria e Mario Di Cuonzo di Capua. Il resto del treno ha continuato la corsa poi il primo vagone si è ribaltato a sua volta. 31 le persone ferite per fortuna in maniera non grave. Il bilancio delle vittime poteva essere ben peggiore. Si è accertato che nelle prime 4 carrozze viaggiavano solo 4 passeggeri. Al lavoro la Polfer e i mezzi di soccorso oltre alla Procura che ha già sentito i tecnici che al momento dell'incidente erano al lavoro nelle vicinanze.
Al centro dell'attenzione la sostituzione di un deviatoio che era avvenuta solo qualche giorno fa.
La circolazione in direzione Bologna è stata sospesa. 

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni