GIULIO GALLERA: PRONTI A MISURE ULTERIORI

Allo studio un possibile inasprimento delle misure di contenimento

Il contagio da Coronavirus “sta riguardando un numero sempre più alto di persone” e non solo anziani, “può toccare tutti”.
Queste le chiare dichiarazioni dell’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera in collegamento alla trasmissione del mattino di Rai3 Agorà il 9 marzo.

Gallera ha ribadito l’appello di “stare a casa”.

“La gente - ha detto - deve capire che non ci sono farmaci o vaccini. L’unico modo per fermarlo è evitare di contagiare o di essere contagiati”.

“I pazienti dell’ospedale di Cremona sono stati portati con l’elicottero militare in terapia intensiva a Sondalo, in Valtellina. I posti in terapia intensiva occupati da pazienti di Coronavirus il 28 febbraio erano 57, adesso sono 399, il 700% in più e cosa succederà fra dieci giorni?”.
“L’alternativa è che la gente capisca e si autolimiti
- ha aggiunto - o serviranno forse misure più drastiche, o dovremo prendere atto che non riusciamo più a curare le persone. Cose che entrambe non vorrei mai”.

In un successivo collegamento per la trasmissione Mediaset Mattino 5, Gallera, ha ribadito chiaramente: “Se tutto questo ancora non serve, forse le misure per limitare il contagio del coronavirus vanno inasprite“.
Queste saranno “sui trasporti e sulla libertà di movimento”.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni