I CAMPI PROFUGHI IN BOSNIA

La situazione dei minori non accompagnati

Save the Children sta partecipando in questi giorni al trasferimento dei minori non accompagnati dal campo profughi di Vucjak verso altre destinazioni nel territorio della Bosnia e dell'Erzegovina. Le autorità locali, infatti, ne hanno deciso lo smantellamento. Questa è stata l'occasione per fare il bilancio della situazione dei minori del campo. Vi sono infatti ospitati numerosi minori non accompagnati, aspetto che li rende più esposti a possibili violenze soprattutto da parte della polizia impegnata a limitare gli ingressi clandestini.
Dall'inizio dell'estate 2019 a oggi sono già trasferiti 250 bambini. Molti di loro hanno affrontato solitudine e pericoli per arrivare al campo mentre fuggivano da paesi dove l'infanzia non ha nessun tipo di tutela. A proposito di questa situazione Andrea Zeravcic, direttore nazionale per Save the Children in Bosnia Erzegovina ha detto: "[...] Il governo nazionale e l'UE devono agire e trovare soluzioni adeguate, compreso un riparo adatto per rifugiati e migranti, in particolare per i ragazzi e gli altri gruppi vulnerabili. I minori non accompagnati hanno bisogno di cure e protezioni specifiche. L'UE non può distogliere lo sguardo da questo problema: deve garantire ai minori l'accesso alla protezione e ai percorsi legali come il reinsediamento, il ricongiungimento familiare e un sistema di asilo ben funzionante. Le guardie di frontiera dovrebbero essere addestrate per proteggere i bambini, invece di respingerli”.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni