IL BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE

Delle ore 18:00 del 28 marzo 2020

La conferenza di questo 28 marzo ha visto il ritorno di Angelo Borrelli.

A lui il nostro: "Bentornato".

 

Per problemi tecnici, manca l'interprete della lingua dei segni (LIS, ndr).

Borrelli ne approfitta per ringraziare l'ente nazionale sordi che collabora con la Protezione Civile in questi giorni di emergenza.

Si comincia quindi dai numeri:

Le persone contagiate sono 70.065 con un incremento di 3.651 casi rispetto a ieri.

Le persone in terapia intensiva sono 3.856.

I ricoverati con sintomi sono 26.676.

Gli asintomatici in isolamento a casa sono 39.533 e sono il 56%.

Le persone decedute oggi sono state 889.

Il totale dei guariti è di 12.384 con un aumento di 1.434 persone.

Fin qui il dato numerico.

 

Seguono le osservazioni operative:

- i trasferimenti dalla Lombardia sono stati 7 e questo porta il totale a 82 persone di cui 40 sono stati pazienti Covid e 42 pazienti non-Covid;

- nota importante di oggi: sei pazienti in rianimazione a Bergamo sono stati trasferiti, con un volo messo a disposizione dalla Germania, a Colonia;

- le forze in campo sono arrivate a 11.636 persone e sono numeri destinati a crescere;

- le tende per il pre-triage sono 772 di fronte agli ospedali e sono 151 di fronte ai penitenziari;

 

Borrelli torna sulle donazioni che continuano ad arrivare sul c/c attivato dalla Protezione Civile.

Siamo a oltre 61 milioni di euro di cui circa sette già spesi per reperire mascherine e ventilatori per le terapie intensive.

 

Altri numeri per raccontare l'adesione al bando per la ricerca di nuovi infermieri: sono già arrivate 7.714 candidature. Hanno raggiunto il numero di adesioni dei medici volontari.
Il nuovo personale sarà destinato alle regioni con maggiori criticità.

 

Fin qui la conferenza stampa.

Viene lasciato spazio ai giornalisti.

Riportiamo le risposte alle domande più significative.

D: Ci si interroga sull'opportunità di riaprire, già il 3 aprile, alcune attività come sollecitato da alcune forze politiche (Renzi e Italia Viva, ndr).

R: Il tema delle riaperture è molto delicato. Serve un'attenta riflessione. Se ne sta già occupando il Governo.

D: Nella giornata del 28 marzo, le cronache hanno registrato episodi di tensione sociale.
Ci sono famiglie che non sono in grado di pagarsi il cibo. Si chiede a Borrelli se la Protezione Civile sarà coinvolta in qualche forma di aiuto a queste persone.

R: I piccoli comuni sono già al lavoro sul territorio per confezionare pacchi alimentari per queste persone.

A livello di Governo ci si sta già attivando su questo fronte.

Se, nella distribuzione degli aiuti alimentari, servisse il supporto della Protezione Civile, la Protezione Civile è pronta ad aiutare.

 

Antonella Di Vincenzo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni