Il CENTRO CIVICO ZERO COMPIE 10 ANNI

Il progetto accoglie e accompagna i minori che arrivano soli

Era il 2009 quando Save the Children apriva il primo centro CivicoZero a Roma, nel quartiere San Lorenzo. L'obiettivo, allora come oggi, è dare accoglienza e sostegno ai minori stranieri non accompagnati che arrivano in Italia. In questi dieci anni il centro ne ha seguiti circa 11.500, per lo più ragazzi tra i 15 e i 17 anni provenienti da Egitto, Afghanistan, ed Eritrea.
L'assistenza si è svolta a più livelli: da quello base in termini di vestiario e cibo al sostegno legale per avere l'assistenza sanitaria, dai corsi di lingua italiana ai laboratori artistici fino alla formazione e alla ricerca di un lavoro. Un impegno che, negli anni, ha visto nascere altri centri simili a Milano e Torino tra il 2014 e il 2015 e a Catania nel 2018. Così ne ha parlato Claudio Tesauro, presidente di Save the Children:
"In tutti questi anni abbiamo assistito a profondi mutamenti nei flussi migratori che coinvolgono i minori, ma ciò che non è mai cambiato è la stessa forte domanda di protezione che giunge dai ragazzi, esito di percorsi spesso traumatici e dolorosi, unita a un altrettanto forte desiderio di inclusione. A queste necessità CivicoZero ha dato una risposta, fornendo innanzitutto un luogo sicuro e informale, in cui i minorenni e i neomaggiorenni potessero ritrovare lo spazio e il tempo per comprendere ed esprimere le proprie esigenze, vivere la propria adolescenza al riparo da rischi di sfruttamento e abusi, per progettare o riprogettare i propri percorsi di crescita”.

Il decimo anniversario di attività è stata l'occasione per domandare che la tutela a questi ragazzi non vada perduta con il compimento della maggiore età. Esiste infatti un provvedimento legislativo, la legge 47/2017 - legge Zampa - che dovrebbe snellire il passaggio al primo colloquio di accoglienza e alla richiesta di permesso di soggiorno. Inutile dire che la legge non è ancora arrivata alla piena applicazione con il risultato che il lavoro di tutela e accompagnamento per questi ragazzi vada perduto.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni