ILARIA CAPUA E LA VERITÀ SUI CONTAGI

"A che punto è l'epidemia in Italia? Non lo sappiamo: i contagiati vanno oltre i 2 mila dichiarati"

Dalla tutela delle persone fragili al rispetto delle distanze di cautela, le misure sono ragionevoli e sono strumenti importanti: non fermano l’epidemia, ma mitigano il contagio. Così il virus si diffonde alla spicciolata, anziché di colpo. Siamo noi a controllare i tempi, che altrimenti ci imporrebbe la biologia: il virus galopperebbe.
La virologa Ilaria Capua, a capo dello One Health Center of Excellence dell’università della Florida, in un’intervista alla Stampa ha spiegato: “Dobbiamo scongiurare un effetto domino: non tutta la Sanità italiana, infatti, è efficiente e preparata come quella Lombarda. Gli anziani fanno parte delle categorie a rischio, come i pazienti di alcune patologie croniche, e che potrebbero soffrire le complicanze più gravi a causa del virus” - ha rilevato la Capua. “Tutelando quelle persone, le persone fragili, stiamo aiutando tutti noi: solo così possiamo prevenire un picco di ammalati e un possibile collasso del sistema sanitario. Quegli individui sono altrettanti semafori verdi che possono favorire la diffusione del virus. A che punto è l’epidemia in Italia? Non lo sappiamo: i contagiati sono molti di più dei circa 2 mila dichiarati. Forse anche oltre 100 volte tanto”- ha precisato la virologa. “Si tratta di rallentare la diffusione del virus, poi il caldo ci aiuterà: i virus lo soffrono e la loro circolazione sarà più difficile”.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni