INFLUENZA 2020

Picco a fine gennaio. Difenditi con la naturopatia

L’influenza è una malattia respiratoria contagiosa, causata dai virus influenzali. In Italia la malattia si presenta con epidemie annuali che in genere si manifestano in inverno, ma sono possibili episodi occasionali anche al di fuori dei mesi più freddi. L’influenza può causare sintomi da lievi a molto severi, che compaiono da uno a quattro giorni dal contagio (tempo di incubazione), e che comprendono: febbre alta ad esordio improvviso, tosse secca e stizzosa, mal di testa, stanchezza e debolezza, brividi, dolori muscolari e articolari, dolori addominali, diarrea, nausea e vomito (soprattutto nei bambini), mal di gola, naso congestionato e starnuti, perdita di appetito, difficoltà a dormire.?Numerose le possibili complicazioni, che nei soggetti più fragili come (anziani, bambini piccoli, persone cardiopatici e/o affetti da malattie croniche) possono in alcuni casi rivelarsi anche fatali come purtroppo è successo per alcuni casi recenti. ?Secondo gli esperti il picco massimo, arriverà a fine gennaio 2020.

?Come difendersi?
Ovviamente con la naturopatia e il naturopata?. La prima cosa da fare è aumentare le difese immunitarie, la Naturopatia, ha svariate tecniche per combattere l’influenza, nel mio libro “INVERNO il tuo benessere con la naturopatia” Edb Edizioni Milano, da pagina 10 a pagina 40, trovi tutti i consigli mirati alla prevenzione per l’influenza, tutti rimedi funzionali.

Di seguito elenco alcuni rimedi.
Alcuni alimenti di uso quotidiano offrono una protezione dal virus, ad esempio, nel brodo di pollo vi sono proteine che accelerano il rinforzo della membrana dei globuli bianchi e di altre cellule del sistema immunitario e, consumato caldo, ha effetto fluidificante su muco e catarro. Cipolla e aglio hanno dimostrato di possedere proprietà antisettiche ed espettoranti; il miele, oltre a favorire la fluidificazione del catarro, può servire a calmare crisi di tosse e lenire le mucose in caso di raucedine. Respirare i vapori caldi da una pentola con acqua in ebollizione in cui siano state disciolte essenze balsamiche è uno dei rimedi più conosciuti per tosse produttiva o raffreddore caratterizzato da ostinata congestione nasale. È infine utile ricordare il beneficio di un’assunzione costante di frutta e verdure che, ricche di vitamine e sali minerali, contribuiscono a mantenere in perfetta efficienza i meccanismi di difesa dell’organismo.

Claudio Dianese

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni