ITALIA ANCORATA AL MODELLO ‘PICCOLO È BELLO’

Foto d'archivio: Giuseppe Sopranzetti con Achille Colombo Clerici
Foto d'archivio: Giuseppe Sopranzetti con Achille Colombo Clerici

Convegno a Milano dell’Associazione per lo Studio dei Problemi del Credito

“Dal risparmio, alla finanza, alla famiglia, alle imprese: percorso obbligato per un solido processo di crescita” è il titolo del convegno organizzato  da ANSPC-Associazione Nazionale  per lo Studio dei Problemi del Credito a Milano, Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana. Tra gli operatori economici, invitato il presidente di Assoedilizia e di Europasia Achille Colombo Clerici.
La crescita del PIL e dell’occupazione è sostenuta da adeguati investimenti, pubblici e privati, e da confacenti consumi. Questo processo, imprescindibile in un mercato libero, trova nella tutela del risparmio, nella finanza sostenibile, nell’orientamento delle famiglie e nell’impegno delle imprese, i fattori che ne alimentano i contenuti, partecipando a una riduzione degli squilibri sociali. Questi i temi toccati nel Convegno, con l’obiettivo di approfondirne i principali aspetti, e di tracciare costruttivi indirizzi.
Nel saluto istituzionale il presidente ANSPC Ercole Pellicanò ha ricordato come in analogo evento svoltosi nel maggio dello scorso anno il quadro economico-finanziario fosse tutto sommato positivo, anche se con forti ombre: oggi il quadro mostra il Pil fermo, il debito pubblico aumentato, lo spread su valori alti, i consumi in calo, la minaccia UE di procedura di infrazione.
Quali i motivi? La risposta è venuta da Giuseppe Sopranzetti, direttore Banca d’Italia Milano. Da decenni ormai, ha detto in sostanza, il modello di sviluppo italiano è lo stesso che ha permesso il ‘miracolo economico’ dal dopoguerra in poi, ignorando i profondi cambiamenti che hanno percorso il mondo, globalizzazione tra tutti. Piccolo non è più bello, ha affermato, sulla stessa linea del Roger Abravanel, saggista ed editorialista del “Corriere della Sera”: tante aziende del ‘made in Italy’ sono state vendute all’estero. Non sarebbe grave se a questo flusso di vendite corrispondesse un eguale flusso di aziende italiane che acquistino aziende all'estero. Purtroppo non avviene e il gap è grande e crescente. Perché è così grave? Perché le aziende italiane non riescono a fare il salto che le porti da ‘medie’ (da 4-500 milioni di fatturato a 3-4 miliardi) a ‘grandi’ (sopra i 15-20 miliardi).
Nella classifica l'Italia - che è ancora la seconda potenza manifatturiera d’Europa -  perde terreno da 40 -50 anni. Oggi non abbiamo più davanti a noi i soliti Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito ma anche Svizzera, Olanda, Canada, Corea del Sud. I nostri nostalgici del ‘piccolo è bello’ e dei distretti industriali, non sono troppo preoccupati perché oggi si sono innamorati del ‘medio’, aziende che operano in nicchie e diventano ‘multinazionali tascabili’. Il problema è che, alla lunga, i colossi globali vincono.
Se al macrofenomeno aggiungiamo pecche tipicamente italiane quali burocrazia, scarsa qualità dei servizi, lentezza della giustizia, evasione fiscale, corruzione e quant’altro, si spiega perché siamo ancora a 4 punti di distanza dal livello precrisi mentre i Paesi competitors hanno abbondantemente superato quel livello.
Sopranzetti, analizzando il risparmio delle famiglie italiane, tra i più alti del mondo - 10.000 miliardi di euro, 6.000 dei quali nel solo comparto immobiliare - ha rilevato come sia comunque in atto da parte delle imprese un positivo abbandono del sistema ‘bancocentrico’ per il proprio finanziamento a favore del mercato (in quattro anni dal 14% al 33%). Ma è l’incertezza il fattore dominante. Per la prima volta dopo quattro anni le famiglie hanno ripreso a risparmiare, le aziende a ridurre gli investimenti, segno evidente  del diffuso timore del futuro.
È seguita una tavola rotonda coordinata da Paolo Garonna, segretario generale FeBAF. Nel panel interventi di Michelangelo Avello, CFO e consigliere delegato Gruppo Helvetia Italia; Innocenzo Cipolletta, presidente AIFI e Assonime; Luca Cosentino, partner EY; Andrea Sianesi, dean at MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business; Alessandro Spada, vice presidente vicario Assolombarda - consigliere Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi; Alessandro Varallo, amministratore delegato Banca Aletti - Gruppo Banco BPM
La Redazione

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni