L’OCCUPAZIONE (SOPRATTUTTO PART-TIME) CRESCE

Ma non decolla la produzione

Indubbiamente positivi i dati del Rapporto Istat sul Mercato del Lavoro relativo a Novembre 2019. Per una volta tutti gli indici sono nel campo giusto (positivo o negativo a seconda di che indice si tratti). Anche la discesa tendenziale del tasso di disoccupazione stavolta ha un significato reale e non solo statistico, perché accompagnata da una diminuzione del tasso di inattività: in sostanza, più gente cerca lavoro e lo trova. Perfino il lavoro a termine, che alla faccia del Decreto Dignità ha continuato a crescere negli 11 mesi precedenti stavolta registra un calo, anche se minimo.
Difficile dire se si tratti di inversione di tendenza o di fenomeno congiunturale, ma è giusto segnalarlo. Tuttavia per un'analisi più completa è opportuno attendere i report di fine anno, dai quali si potranno ricavare dati più precisi sulla qualità dell'occupazione, delle retribuzioni, delle cessazioni e della mobilità..
Tuttavia qualche outlook si può azzardare sulla base di dati ISTAT aggiornati al terzo trimestre, quindi ad Ottobre 2019, relativi a quello che pare essere il problema specifico dell'economia italiana: la crescita dell'occupazione senza crescita della produzione e, meno ancora, della produttività. Vediamoli. (dati ISTAT Congiuntura-ottobre 2019)
Il Monte Ore annuo lavorato aveva indice 115,1 nel primo trimestre 2008, e soltanto 111,8 nel terzo trimestre 2019. Si tratta di dati destagionalizzati, ma se volessimo guardare a quelli corretti per i giorni lavorativi saremmo addirittura a 107!
Le ore lavorate per dipendente scendono dall'indice 107,2 del primo trimestre 2018 al 100,4 del terzo trimestre 2019, che corretto per i giorni lavorativi cade addirittura a 94,3!
Due dati che spiegano perchè al crescere dell'occupazione individuale non cresce il numero delle ore lavorate.
È facile immaginare che alla base del fenomeno vi sia la grande diffusione del part time, soprattutto involontario e femminile, nel comparto dei servizi: lo verificheremo quando uscirà il report congiunto Ministero - INPS - ISTAT - INAIL sul 2018.
Tuttavia è meglio non affidarsi a una lettura che individua solo nella sottoccupazione nei servizi il nocciolo della questione: nel comparto industriale l'indice destagionalizzato della produzione segna 114,1 nel novembre 2008 e soltanto 112,9 nel novembre 2019 (dato corretto per i giorni lavorativi).
In definitiva siamo di fronte a un'occupazione che cresce in termini numerici, probabilmente grazie al part time nel comparto dei servizi, e a un'occupazione nell'industria sostanzialmente più stabile ma senza incremento di ore lavorate.
La prospettiva in questi termini non è un gran che, ma vedremo qualcosa di più preciso alla prossima rilevazione.

Claudio Negro

DESTINA IL TUO 5 x MILLE ALLA FONDAZIONE ANNA KULISCIOFF INDICANDO IL CODICE FISCALE DELLA FONDAZIONE  97123000156

  


 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni