LA SCOMPARSA DELL’ARCHITETTO VITTORIO GREGOTTI

Il cordoglio di Assoedilizia e del suo presidente Achille Colombo Clerici

Il presidente Achille Colombo Clerici, i vice presidenti, i componenti la Giunta e il Consiglio Direttivo, il segretario generale, consulenti e collaboratori di Assoedilizia - Associazione della Proprietà Edilizia, partecipano con profondo cordoglio al lutto della città di Milano e dell’Italia per la scomparsa dell'architetto Vittorio Gregotti, autore del Progetto Bicocca, avvenuta questa mattina nella clinica San Giuseppe di Milano. 
Gregotti - saggista, critico, docente, editorialista, polemista, uomo delle istituzioni ma soprattutto architetto - è stato uno dei pilastri della nostra cultura. Nato a Novara nel 1927, dopo la laurea in architettura nel 1952 al Politecnico di Milano è entrato, come prima esperienza, nello studio BBPR. Dal 1953 al 1968 ha svolto la sua attività in collaborazione con Ludovico Meneghetti e Giotto Stoppino. Nel 1974 ha fondato la Gregotti Associati. È stato anche docente di Composizione architettonica presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia, ha insegnato nelle Facoltà di Architettura di Milano e Palermo.
Per la Triennale di Milano è stato responsabile della sezione introduttiva nel 1964; dal 1974 al 1976 è stato direttore delle arti visive ed architettura della Biennale di Venezia. Tra i suoi progetti spicca quello del quartiere Bicocca a Milano, una rivoluzione urbana per la città, con l'università, le aziende e il Teatro degli Arcimboldi.
Nel corso della sua attività accademica è stato inoltre 'visiting professor' alle Università di Tokyo, Buenos Aires, San Paolo, Losanna, Harvard, Filadelfia, Princeton, Cambridge (U.K.) e all'M.I.T. di Cambridge (Usa). Tra i suoi numerosi interventi si contano, per citare, la riqualificazione di Potsdamer Platz a Berlino, del Gran Teatro Nazionale di Pechino. e della Chiesa di san Massimiliano Kolbe, a Bergamo.
Tra i suoi libri ''La citta' visibile'' (Einaudi), ''Cinque dialoghi necessari'' (Electra), ''L'architettura dell' espressionismo'' (Fabbri), ''New directions in Italian Architecture'' a New York. Gregoretti ha curato anche la rubrica ''Architettura'' per il settimanale Panorama, collaborava al Corriere della Sera e ha diretto le riviste ''Rassegna'' e ''Casabella''.
Achille Colombo Clerici

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni