LA SCOMPARSA DI GIAMPIERO PESENTI

Il re del cemento italiano

Si è spento nella notte del 24 luglio l'imprenditore che ha portato con la sua amministrazione la Italcementi da azienda a conduzione familiare a leader del proprio settore.

Laureato in ingegneria meccanica al Politecnico di Milano, entra in Italcementi nel 1958. A lui si deve la mossa strategica più importante quando negli anni '90 porta a termine l'acquisizione della francese Ciments français trasformando una piccola realtà industriale bergamasca in un grande gruppo internazionale presente in 21 Paesi con 20 mila dipendenti. Resterà a capo dell'azienda fino al 2016 quando Italcementi viene ceduta a un gruppo tedesco. La sua attività imprenditoriale è molto diversificata e questo lo porta a diventare, nel 1984, Presidente di Italmobiliare di cui diventa presidente onorario dal 2017.

Altri incarichi lo hanno legato a Confindustria, Pirelli e alla fondazione che porta il nome di famiglia. Pesenti viene altresì ricordato per essere stato parte del così detto «salotto buono» della finanza italiana anche in virtù della sua presenza in Mediobanca come azionista e membro del CDA. .

Tra i riconoscimenti alla sua abilità imprenditoriale ricordiamo la nomina a Cavaliere del Lavoro del 1989 e l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Legion d’Onore in Francia nel 2004.

Antonella Di Vincenzo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni