LA SITUAZIONE ALLE 23:30

Seguiamo l'evoluzione dell'emergenza sanitaria

Mentre scriviamo si contano 323 contagiati e 11 decessi.

La situazione:

- Il dermatologo milanese, primo paziente che non è transitato da Codogno ma è rientrato dall'estero dove ha viaggiato per lavoro in Germania e Grecia, è ricoverato all'ospedale Sacco in condizioni non gravi.

- Due dei quattro specializzandi del Policlinico che lavoravano con lui sono risultati positivi al tampone. Al momento si trovano in isolamento.

- C'è un primo contagiato all'interno di un'azienda. Ne ha dato conferma Banca Mediolanum a Basiglio a proposito di un dipendente di Zavattarello (PV) assente dal lavoro da venerdì 21 febbraio. Al momento si trova in isolamento nella sua abitazione. L'azienda fa sapere di avere già predisposto interventi di sanificazione e igienizzazione degli uffici.

- Altre due donne di Codogno sono risultate positive mentre si trovavano in vacanza ad Albenga e in Trentino.

- Per quanto riguarda gli altri paesi europei si registrano i primi contagi di persone che sono state in Italia: un caso in Svizzera, nel Canton Ticino. Un uomo di 70 anni che era stato a Milano è ora in isolamento e le sue condizioni sono buone. Le autorità svizzere non hanno reso noto dove è ricoverato; tre casi in Spagna di cui una coppia a Tenerife e una turista a Barcellona. Venivano tutti dalla Lombardia. Un'altra coppia originaria di Bergamo è in isolamento a Innsbruck in Austria. La donna lavorava in un albergo in Tirolo che ora è stato messo in quarantena. In Francia si segnala il caso di un uomo rientrato dalla Lombardia ora ricoverato a Auvergne-Rhone-Alpes. Da ultimo segnaliamo un caso in Croazia. Si tratta di un turista che era stato a Milano tra il 19 e il 21 febbraio.

- L'atteggiamento degli altri paesi nei nostri confronti della nostra emergenza sanitaria assume le forme più diverse. La Bulgaria ha sospeso i voli fino al 27 marzo; l'Iraq ha vietato l'accesso ai nostri connazionali; Gran Bretagna e Francia impongono la quarantena a chiunque abbia visitato il nostro paese;

- È importante cominciare a dare conto degli effetti di questa situazione sull'economia delle tante realtà della zona rossa. Ci sono aziende dei settori più diversi, dall'alimentare all'industria passando per l'agricoltura che hanno la produzione ferma o giacenze che non riescono a smaltire. C'è preoccupazione per il danno economico così come per i posti di lavoro;

- Il salone del mobile previsto a Milano ad aprile è stato rimandato a giugno;

- Un'ultima annotazione sui provvedimenti restrittivi adottati dalla Regione. Oltre alla chiusura di scuole, università, cinema, teatri e musei si aggiunge la sospensione degli esami per la patente nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Milano e Pavia. Per questo motivo è allo studio la proroga alla validità dei fogli rosa. Gli accessi alla motorizzazione civile saranno contingentati.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni