MEZZI DI TRASPORTO: CAOS O CAMBIAMENTO?

Lettera dei gestori lombardi al Ministro dei Trasporti

Se si ragiona in prospettiva e ci si sposta al mese di settembre, il problema di garantire la distanza sociale sui mezzi di trasporto, assume contorni preoccupanti.

Dopo l'estate, infatti, dovrebbe riprendere l'attività delle scuole e della maggior parte degli esercizi commerciali e degli uffici.

Se la regola per viaggiare rimane la distanza sociale si pongono due ordini di problemi: Chi vigila sugli accessi e come evitare gli assembramenti in banchina e alle fermate degli autobus.

Questo è lo scenario che devono aver immaginato Arrigo Gana, direttore generale ATM e presidente di Agens (Agenzia confederale dei trasporti e servizi, ndr) e Andrea Gibelli, presidente di Ferrovie Nord e Asstra (Associazione Trasporti, ndr).

Tanto da scrivere una lettera al Ministro dei trasporti chiedendo che:

"[...] l'introduzione di un criterio di funzionamento del trasporto pubblico fondato sul distanziamento di un metro debba lasciare il passo a un criterio incardinato sull'obbligo di utilizzo delle mascherine, da parte degli utenti, rigorosamente applicato".

Questa la prima soluzione proposta.

Si potrebbe affiancare il mantenimento di quote importanti di smart working e di didattica a distanza per ridurre il numero degli utenti.

Il trasporto pubblico "dimezzato" è un tema che riguarderà tutte le città, non solo in Italia.

Da più parti si chiedono chiarimenti e indicazioni per tamponare un massiccio ricorso all'automobile con evidenti ricadute sul traffico e sull'inquinamento.

Se l'uso della sola mascherina, a parità di capienza di metropolitane e autobus non fosse sufficiente o sicuro, bisognerà ripensare l'intero comparto dei trasporti.


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni