MILANO CAMBIA MA NON RINUNCI ALLA SUA IDENTITA'

Milano è una città in continua trasformazione. Se la sua anima innovativa le ha consentito di adattarsi ai mutamenti economici e sociali globali senza  traumi - basti pensare al passaggio, in pochi decenni, da città fordista a città del terziario, quindi della tecnologia, dei servizi avanzati, della conoscenza - essa ha talvolta rinunciato a identità, tradizione e cultura. Anche nel suo aspetto fisico, nella sua architettura e nella "forma urbis".
Al recente convegno “Rinnovare il moderno” organizzato dall’Ordine degli Architetti di Milano ho sollevato la questione con una domanda provocatoria: “C’è ancora una cultura architettonica milanese o mancano gli architetti in grado di interpretare il genius loci? E dunque importiamo un'architettura estranea alla nostra cultura?”.  
Cos’hanno di milanese – mi chiedo e lo chiedo agli urbanisti – Porta Nuova e City Life se non il terreno su cui sorgono (anche i capitali sono stranieri)?
Due importanti riviste di architettura - Abitare e Domus - hanno affrontato lo stesso tema citando esempi di snaturamento di alcuni edifici simbolici dell’architettura moderna milanese: la Torre Velasca, il Pirellino, la Torre Galfa i cui interni vengono radicalmente modificati per adattarli a nuove funzioni. Per non parlare degli storici edifici di Piazza Cordusio ridotti a caffè e a outlet.
Con il suo patrimonio novecentesco Milano è stata esempio al mondo occidentale di stile architettonico, studiato in molte università. Sono in arrivo investimenti immobiliari per 12-15 miliardi nei prossimi 10 anni: fonte, i grandi fondi internazionali che intendono, ovviamente, trarre il maggior profitto da quanto investono. Ma quanto si preoccupano di preservare l’identità della città?
Tutelare l’architettura novecentesca non vuol dire ingessare Milano – perché non sussiste incompatibilità fra stile e funzione - ma significa conciliare ‘milanesità’ e sviluppo. In questo compito-missione Comune e Soprintendenza sono i primi enti a essere chiamati in causa. Ma anche i professionisti - architetti,  ingegneri, urbanisti – hanno una responsabilità fondamentale, a prescindere dalle archistar.
Secoli or sono gli italiani sono stati definiti ‘popolo di mercanti senza bandiere’: vogliamo continuare a esserlo ancor oggi, anche in architettura?  

Achille Colombo Clerici

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni