PER NON INCIAMPARE DEVI GUARDARE

La mattina, quando usciamo da casa, se non siamo assorti nei nostri pensieri, e guardiamo i marciapiedi e le annesse strade, è facile cambiare umore: se siamo contenti ci rattristiamo, se siamo arrabbiati ci arrabbiamo ancora di più e se siamo delusi o dispiaciuti andiamo in paranoia. Tutto lavoro per la psicanalisi direbbe il grande Sigmund Freud. Mica vero dottore!, questa volta, haimè, si sbaglia: tutto sano e doveroso lavoro per chi ha il compito di chiudere le buche e livellare le strade.  Che ha ma, non si capisce il motivo, non fa. Sarebbe troppo semplicistico addossare la colpa a un'Amministrazione Comunale piuttosto che a un'altra. 
Le strade e i marciapiedi non sono di sinistra, di centro o di destra, sono di tutti. Di tutti quei cittadini che vanno a scuola, a lavoro, a compiere commissioni o a passeggiare. Percorrere un marciapiede camminando velocemente, piuttosto che portare a casa la spesa con il proprio carrello è sinonimo di libertà. Libertà di andare dove e come si vuole. Chiaramente sempre e soprattutto rispettando le regole e gli altri. 
Se, invece, camminare diventa rischioso perché si può cadere, se si è costretti a "inchiodare" la propria automobile perché, a causa di un dislivello del manto stradale, comincia a slittare o se, ancora peggio, un motociclista cade, non si può parlare più di libertà. E quando non c'è libertà la colpa è di tutti, cittadini compresi. Se gli amministratori pubblici hanno l'obbligo di fare, i cittadini hanno il diritto-dovere di controllare e di dire la loro, se qualcosa non va. Far finta di niente non porta a nulla di positivo tranne che scoprire il degrado. Intendiamoci non è necessario portare al patibolo gli Amministratori pubblici ne tanto meno scatenare una guerra civile. È sufficiente frequentare attivamente i Municipi e non rivotare chi ci ha deluso. Solo in questo modo possiamo avere la speranza che le cose, quando non vanno, migliorino.  
 

Flavio Fera


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni