Periferie, niente “scorrerie”

Oggi bisogna salvare le periferie, i prossimi trent’anni devono essere destinati a trasformare le periferie in città, perché se non lo facciamo sarà la barbarie.. Più chiaro di così non poteva essere l’appello che l’architetto e senatore a vita Renzo Piano ha rivolto anche a docenti e studenti del Politecnico di Milano in occasione dell’apertura del 152° anno accademico dello scorso ottobre.

“Ossessione” o “lungimiranza”? Perché delle due l’una: o Renzo Piano è un fanatico, un fissato e, allora, lasciamolo perdere; oppure è uno che alza lo sguardo e riesce a vedere oltre il proprio naso e, allora, sarebbe buona cosa ascoltarlo.
Barbarie – Ma la situazione è così grave, c’è davvero un pericolo barbarie? I gravi incidenti accaduti negli ultimi anni nelle periferie di altre metropoli europee, da Parigi a Londra a Stoccolma, sembravano non riguardare una città come la nostra Milano “con il cuore in mano”. Eppure, quello che sta accadendo in numerosi quartieri popolari è ben oltre l’emergenza, segno evidente che Milano non è tutta uguale, che bisogna provvedere con modalità diverse, corrispondenti alle specifiche necessità. Altrimenti, il rischio  è che le periferie diventino solo il terreno per nuove “scorrerie” (e non aggiungiamo altro!).  

Area P – Per questo abbiamo più volte detto che, come è stato fatto per l’Area C – «C» come Centro – bisogna dedicare la stessa attenzione all’Area P: «P» come Periferia, vista nel suo insieme, per i suoi vari aspetti problematici, ma anche propositivi. 
Da questo punto di vista, è opportuno evidenziare che le periferie sono ricche di energie e di capacità di proposta. Ma il problema è la “frammentazione” – ed anche un certo ”autoreferenzialismo” – con il quale spesso ci si muove sia nel versante del mondo associativo, che in quello istituzionale. 

8a Convenzione – In tale contesto si colloca l’8a Convenzione delle Periferie di Milano (martedì 25 novembre 2014, ore 17,30 - Urban Center di Milano), promossa da Consulta Periferie Milano. “Volontariato e progettazione partecipata” sarà il tema del confronto tra chi opera nel concreto delle periferie milanesi ed i vari interlocutori cittadini, al quale porteranno  il loro contributo Marco Granelli (Assessore al Volontariato, Comune di Milano), Sebastiano Citroni (autore della ricerca “Associazioni a Milano”), Marco Pietripaoli (Direttore Ciessevi-Centro Servizi Volontariato).

La sfida – Ma, le periferie dalle mille risorse saranno capaci di “fare sistema”? 
Oppure continueranno a essere “luoghi sconosciuti, luoghi marginali e tenuti ai margini, in una Milano che è un operoso alveare, con tante celle che non comunicano tra di loro. Una Milano che non fa sistema” (Indagine Ipsos)?

Walter Cherubini
Consulta Periferie Milano 
www.periferiemilano.it

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni