TRAFFICO DI CUCCIOLI

Il triste primato della Lombardia

I Carabinieri forestali di Milano e Lodi, da anni impegnati nella lotta al traffico di cuccioli, hanno appena sgominato l'ennesima organizzazione dedita a questo turpe traffico.
L'indagine ha permesso di scoprire che i piccoli animali, spesso di razza, sono acquistati nell'est Europa, principalmente in Ungheria e Slovenia, quando hanno appena 50 giorni. Drogati e in pessime condizioni igieniche sono spediti in Italia dove di solito varcano il confine in Friuli.
Quelli che sopravvivono ricevono un chip e un falso certificato che attesta la provenienza italiana. La vendita avviene per lo più su internet dove, come è facile immaginare, i prezzi sono molto bassi oppure in allevamenti fuorilegge.
Le transazioni avvengono quasi sempre in contanti, il che lascia supporre che dietro questi traffici ci sia anche il riciclaggio di denaro. Il picco delle attività criminali avviene a Natale e in primavera.Le richieste maggiori dall'hinterland a sud di Milano.
Le forze dell'ordine mettono quindi in guardia dai prezzi troppo bassi dei cuccioli e da allevamenti non certificati ma non solo. I poveri animali di questi traffici hanno tendenza a sviluppare malattie, perire dopo pochi giorni e, una volta diventati adulti, sviluppare comportamenti pericolosi.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

ECLISSI

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni