ACCADDE IL 12 LUGLIO



12 luglio 1943 - Battaglia di Prochorovka, il più cruento scontro tra carri armati della storia militare; viene considerata dagli storici la battaglia che coinvolse il maggior numero di mezzi corazzati in uno spazio relativamente ristretto.



Le forze tedesche erano formate principalmente dalle tre divisioni SS-panzer, la 1. SS-Panzer-Division "Leibstandarte SS Adolf Hitler", la 2. SS-Panzer-Division "Das Reich" e la 3. SS-Panzerdivision "Totenkopf", le quali avevano sofferto gravi perdite nei giorni precedenti. Queste tre divisioni corazzate avevano iniziato l'offensiva il 5 luglio con 456 carri armati, compresi 35 Tiger I Ausf. E, 137 cannoni d'assalto Sturmgeschütz III; in accordo con le fonti tedesche, all'11 luglio erano disponibili 204 carri armati suddivisi tra le 3 divisioni corazzate dei quali circa venti erano Tiger I.

Per quanto riguarda l'Armata rossa, la principale formazione che resse le sorti della battaglia fu la 5ª Armata corazzata della Guardia, la cui forza corazzata ammontava a circa 800-850 carri armati, molti dei quali erano tuttavia carri leggeri T-70, ormai divenuti assolutamente inadatti al combattimento. Nel complesso, la 5ª Armata aveva a disposizione circa 500 carri T-34, 264 T-70, 31 carri Mk IV Churchill, pochi KV-1 e circa 50 semoventi d'artiglieria tra SU-122 SU-76; è bene chiarire che nessun semovente SU-152 o SU-85 prese parte al combattimento. L'impatto tra le due formazioni corazzate provocò una mischia confusa caratterizzata da innumerevoli duelli fra singoli carri.

Alla sera del 12 luglio sul campo di battaglia nei pressi di Prochorovka, restarono circa 700 relitti di mezzi corazzati di entrambe le parti, anche se i tedeschi persero molti meno mezzi dei sovietici; restarono sul campo anche circa un terzo dei carri Tiger entrati in azione quel giorno, e ciò fa valutare che per i tedeschi quella battaglia fu una sconfitta. Alla fine della giornata comunque i tedeschi furono costretti a ritirarsi a causa del fatto che l'OKH aveva appena deciso l'annullamento dell'operazione Cittadella.




Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni