ACCADDE IL 31 DICEMBRE

31 dicembre 2002 In Cina viene inaugurato il primo tratto ferroviario di 30 km servito da un treno a levitazione magnetica. Velocità massima raggiunta: 430 km/h


Un treno a levitazione magnetica o Maglev è un tipo di treno che viaggia senza toccare le rotaie grazie alla levitazione magnetica.

La repulsione e l'attrazione magnetica vengono utilizzate anche come mezzo di locomozione. Dato che il convoglio non tocca le rotaie, l'unica forza che si oppone al suo moto è l'attrito dell'aria. Il MagLev è quindi in grado di viaggiare a velocità elevatissime (oltre i 600 km/h) con un consumo di energia limitato e un livello di rumore accettabile. Sebbene la velocità del MagLev gli consenta di fare concorrenza all'aereo anche nei lunghi percorsi, i costi per la realizzazione delle infrastrutture ne hanno limitato finora l'utilizzo a brevi tratte molto frequentate. A Shanghai un MagLev collega la città con l'aeroporto. La linea è lunga 33 chilometri e viene percorsa dal treno in 7 minuti e 20 secondi con una velocità massima di 501,5 km/h e una velocità media di 250 km/h.

Nell'aprile 2008 a Brescia il giornalista Andrew Spannaus della Executive Intelligence Review, propose di cogliere l'occasione della futura Esposizione Universale di Milano (EXPO 2015), per iniziare una rivoluzione infrastrutturale in Lombardia, con la previsione di estenderla al resto d'Italia. Egli propose di costruire una linea di trasporto a levitazione magnetica per collegare l'aeroporto di Malpensa con le città di Milano, Bergamo e Brescia.

Nel marzo 2011 fu presentato da parte di Nicola Oliva, membro del Consiglio Comunale di Prato, a Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, la proposta di un collegamento a levitazione magnetica che collegherebbe in pochi minuti Firenze allo scalo aeroportuale di Pisa. L'obiettivo di tale progetto è di realizzare una linea a levitazione magnetica che, iniziando da Prato, passi poi per la stazione di Santa Maria Novella di Firenze e dunque per l'aeroporto di Firenze, per giungere così fino all'aeroporto civile di Pisa. Il Maglev consentirebbe perciò di collegare Firenze e Pisa in tempi assai più rapidi dagli attuali, passando dall'ora e quindici minuti di oggi ai venti minuti circa con il treno a levitazione magnetica, in questo modo permettendo allo scalo aeroportuale pisano di espandere significativamente il proprio bacino di utenza. Grazie a questo progetto quindi l'aeroporto potrebbe continuare a servire l'intera Toscana in qualità di principale aeroporto civile.


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni