ACCADDE IL PRIMO LUGLIO

1 luglio 1997 – Il Regno Unito cede la sovranità su Hong Kong alla Repubblica Popolare Cinese

Il 1º luglio 1997 vi fu il trasferimento della sovranità di Hong Kong dal Regno Unito alla Repubblica Popolare Cinese, che concluse ufficialmente i 156 anni di dominio coloniale britannico. L'ultimo governatore britannico di Hong Kong fu Christopher Francis Patten, dal 1992 al 1997. Hong Kong divenne la prima regione amministrativa speciale della Cina e Tung Chee-Hwa assunse la carica di primo capo dell'esecutivo. Quello stesso anno, Hong Kong subì un doppio colpo: la crisi finanziaria asiatica e l'epidemia di influenza aviaria H5N1. Nel 2003, Hong Kong è stata gravemente colpita dallo scoppio della Sindrome Acuta Respiratoria Severa (SARS). L'Organizzazione mondiale della sanità ritiene che a Hong Kong vi siano stati 1 755 infetti e 299 morti. Si stima che circa 380 milioni di dollari di Hong Kong (48,9 milioni di dollari americani) siano stati persi a causa dell'epidemia.

Il 10 marzo 2005 Tung ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di capo dell'esecutivo a causa di "problemi di salute". Donald Tsang, il segretario generale dell'amministrazione, a seguito delle elezioni del 21 giugno 2005, svoltesi comunque senza un'opposizione, è divenuto il secondo capo dell'esecutivo di Hong Kong. Nel 2007 Tsang è stato riconfermato per un secondo mandato. Oggi Hong Kong continua a essere protagonista come centro finanziario mondiale, ma deve affrontare l'incertezza sul suo futuro a causa della crescente potenza economica della Cina della terraferma e il suo rapporto con la Repubblica Popolare Cinese a proposito della riforma democratica e del suffragio universale.

Nel 2019 è iniziato un nuovo ciclo di proteste in seguito al tentativo dell’amministrazione filo-cinese di Hong Kong di introdurre una nuova legge che prevederebbe la possibilità di estradare nella Cina continentale tutte le persone accusate di reati gravi, ovvero di crimini punibili con una pena superiore ai sette anni di detenzione. Il 28 maggio 2020, in risposta alle proteste, il governo di Pechino annuncia l'introduzione di una legge "sulla sicurezza nazionale", in grado di estendere a Hong Kong i poteri concessi alle forze di polizia cinesi, per contrastare reati di terrorismo, secessione, sovversione e ingerenza straniera.


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni